Pasturo, ridotte le corse dello scuolabus  Mamme in guerra : «Così troppo vicini»
Polemica a Pasturo per lo scuolabus

Pasturo, ridotte le corse dello scuolabus

Mamme in guerra : «Così troppo vicini»

Lettera dei genitori della scuola primaria al sindaco per evidenziare la pericolosità Un giro invece di due e spazi stretti sul mezzo. Artana: «Non possiamo più curare i bambini»

Genitori dei bambini della scuola primaria sul piede di guerra contro il Comune per il dimezzamento delle corse dello scuolabus in vigore dall’inizio dello scorso anno scolastico. Un provvedimento che ha fatto arricciare il naso ad un gruppo di mamme che, già qualche settimana fa, aveva scritto una lettera al Comune e all’istituto comprensivo di Cremeno.

Lettera dai toni schietti, fatta propria dal capogruppo dell’opposizione, Marinello Manzoni, che anticipa la presentazione di un’interrogazione al sindaco, Pierluigi Artana, per capire cosa stia succedendo.

Il braccio di ferro

Da una parte il gruppo di genitori, dall’altra Artana. Reduci da un recente incontro, il sindaco ha confermato che non recepisce le proposte di questo gruppo di mamme. «Segnaliamo - ribadiscono queste ultime -, la situazione di pericolosità che si verifica sul pulmino della scuola primaria. I due giri che tradizionalmente venivano effettuati, sono stati ridotti ad uno, creando un assembramento di bambini a dir poco pericoloso. É necessario procedere all’igienizzazione, sanificazione e disinfezione del mezzo di trasporto almeno una volta al giorno. Ci chiediamo se tale operazione venga svolta in quanto, al momento, come genitori dei bambini che fruiscono del servizio, non ne abbiamo evidenza. Dobbiamo purtroppo rilevare - scrivono le firmatarie della lettera protocollata in Comune -, che le regole non vengono osservate in quanto lo spazio per i bambini è molto ridotto».

Abbiamo pensato a quali potrebbero essere le soluzioni possibili per questa situazione: quella più plausibile sarebbe la riattivazione di due giri di pulmino. Siamo consapevoli che tale scelta comporterebbe un maggior carico di lavoro, ma riteniamo sia l’unica che possa garantire la sicurezza dei bambini. Ci permettiamo inoltre di consigliare di scaglionare l’ingresso e l’uscita in orari differenziati di 10/15 minuti, al fine di aggirare la difficoltà di reperire una figura che sorvegli i bambini del primo giro del pulmino in attesa dell’inizio delle lezioni didattiche. La nostra proposta inoltre potrebbe essere quella di differenziare l’orario dei bambini di Quarta e Quinta elementare». Un caso che sta animando il paese valsassinese, il sindaco Artana replica con toni decisi:

«Mezzo sanificato»

«Innanzitutto preciso che il bus, come gli altri luoghi pubblici del Comune, sono quotidianamente sanificati mediante uno zononizzatore che abbiamo acquistato. E poi, sentito anche il dirigente scolastico, non spetta certo ai Comuni stabilire a loro discrezione gli orari delle lezioni a scuola. Il provvedinento di abolire il secondo giro dello scuolabus - continua il primo cittadino -, è stato dettato da ragioni di opportunità, dovute al fatto che i bambini del primo giro non possono aspettare fuori dalla scuola in attesa dei compagni del secondo senza nessuno che li accudisca, considerato che non c’è più personale che possa occuparsi dei bambini al di fuori del plesso della scuola primaria di Pasturo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA