Oggiono, ripristino delle “decime”  La raccolta fa ben sperare
Il parroco oggionese don Maurizio Mottadelli

Oggiono, ripristino delle “decime”

La raccolta fa ben sperare

L’idea del decano don Maurizio Mottadelli raccoglie consensi. Contributi per l’accoglienza dei profughi e per il Banco alimentare

«Ringraziamo sentitamente tutti per la generosa risposta»: il ripristino delle «decime», novità di maggio, sta già prendendo piede nella comunità pastorale guidata dal decano don Maurizio Mottadelli.

Sembrava una scommessa, quasi una sfida anacronistica, in questo millennio e in piena crisi. «Oltre alle offerte per il “Progetto Gemma”, a favore di tre nascituri – tira invece le somme il sacerdote – abbiamo finora raccolto nella comunità pastorale: 95 buste (per 1.510 euro) per l’accoglienza dei profughi e 87 buste (pari a 1.200 euro) per il sostegno al “Banco alimentare” della Caritas di Oggiono».

L’accoglienza ai profughi è la vera novità per la comunità che riunisce Annone, Ello e Imberido, oltre a Oggiono. Riepiloga il decano: «È rivolto a una o più famiglie di profughi che richiedono una permanenza di lunga durata nel nostro Paese e che abbiano già ricevuto un permesso di soggiorno; consiste nel farsi carico dell’assistenza per un anno».

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola lunedì 16 maggio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA