Oggiono: «Così fermeremo
la furia del Rio Peslago»

Progetto da 130mila euro, l’intervento si concentrerà in zona centrale Enel

Oggiono: «Così fermeremo la furia del Rio Peslago»
Oggiono - Il sindaco Chiara Narciso nella zona della centrale elettrica
(Foto di Patrizia Zucchi)

Costerà 130.000 euro attuare il progetto per rendere del tutto inoffensivo in Rio Peslago, a Oggiono.

Il piano è dell’ingegner Tomaso Invernizzi e l’obiettivo è di intervenire soprattutto nella zona della centrale Enel, dove in caso di piogge abbondanti, il rischio di esondazione è particolarmente alto.

«Tutti gli interventi, previsti nel progetto definitivo ed esecutivo, rientrano nei nostri programmi per rendere più sicuro il territorio sotto il profilo idrogeologico - afferma il sindaco Chiara Narciso - Il Rio Peslago appartiene al cosiddetto reticolo minore, pertanto è di competenza comunale. La scelta delle diverse soluzioni possibili ha tenuto conto del migliore rapporto tra i costi e i benefici rispetto alle esigenze da soddisfare».

Il torrente Peslago nasce in località Trescano, al confine tra Oggiono ed Ello e raccoglie le acque provenienti dall’area residenziale, dai boschi e dai terreni sopravvissuti alla cementificazione che ha reso impermeabili vaste porzioni di suolo.

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA