Nube tossica, prova d’emergenza   E simulata la minaccia terrorismo
I vigili del fuoco impegnati nell’esercitazione

Nube tossica, prova d’emergenza

E simulata la minaccia terrorismo

Un intenso coordinamento dei diversi corpi del soccorso. Punto di riferimento la Sitab di Nibionno, azienda ad alto rischio

Porte e finestre chiuse: allerta massima; caldo o no, i cittadini e le aziende ieri hanno dovuto rispettare il piano d’emergenza stabilito in caso di incidente rilevante. Per fortuna, si è trattato solo di un’esercitazione, per quanto realistica. La simulazione ha coinvolto il reparto Soccorso del terzo reggimento carabinieri della Lombardia. I nibionnesi sono stati avvertiti dal Comune e richiamati al rispetto del piano diffuso nel 2016 (che, in tutte le case, dovrebbe trovarsi sempre a portata di mano), inoltre ripubblicato per l’occasione sul sito Internet. L’esercitazione ha interessato tutto il territorio ma, in particolare, la via dove ha sede la “Sitab Spa”, azienda notoriamente classificata a rischio di incidente rilevante; allerta anche nell’area circostante, delineata nel piano dagli esperti: quindi, in via Giovanni XXIII, in località Gaggio, in via Cadorna, Puecher, Diaz, Conciliazione, De Gasperi; in via Boffa, Volta, California e in frazione Tabiago. I cittadini hanno dovuto restare chiusi in casa fino all’avviso di cessato pericolo. L’esercitazione si è svolta su scala reale al massimo livello: è stata simulata una situazione di grave emergenza causata da un incendio. Simulata poi dai Carabinieri anche una emergenza da allarme terrorismo.

Leggete tutti i particolari sull’edizione di domani, domenica, de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA