Lecco. Tecnico meccanico
Una scuola dentro le aziende

Un gruppo di imprese dell’Oggionese ha avviato un progetto formativo con la Regione - Al termine del percorso i giovani verranno assunti

Lecco. Tecnico meccanico Una scuola dentro le aziende
Le imprese hanno deciso di unirsi per costruire un percorso formativo per tecnici della meccanica

Una nuova “Academy” sta prendendo forma nel Lecchese, grazie all’iniziativa di un gruppo di aziende metalmeccaniche che ha deciso, viste le difficoltà che si incontrano nel reperire figure tecniche con le competenze adeguate, di “costruirle” direttamente.

Dal 21 febbraio al 22 dicembre terrà banco il progetto Ifts di apprendistato di primo livello in somministrazione messo a punto da Casartelli di Galbiate, Carlo Salvi di Garlate, Galbiati Costruzioni meccaniche di Oggiono (capofila del progetto), Salico di Molteno, Tecno Tempranova Lecchese “Ttl” di Dolzago e da GiGroup in collaborazione con Aslam, ente accreditato in Regione Lombardia.

Si tratta di un percorso di istruzione e formazione tecnica superiore con il quale si punta a dotare una dozzina di persone delle skills necessarie all’utilizzo di macchinari impiegati nei settori delle lavorazioni meccaniche a controllo numerico, dei trattamenti termici e del montaggio di impianti di produzione industriale. L’obiettivo finale, infatti, non è ovviamente soltanto accademico: una volta completato il percorso formativo, che sarà basato in parte consistente su esperienza pratica sviluppata in fabbrica, le imprese inseriranno gli allievi nel loro organico.

I candidati verranno assunti inizialmente da GiGroup con un contratto a tempo indeterminato in apprendistato di primo livello, per essere poi inseriti in una delle cinque aziende attraverso il percorso Ifts.

Le figure cui la proposta è rivolta dovranno avere al massimo 25 anni di età e disporre di un diploma quadriennale delle scuole professionali o quinquennale degli istituti a indirizzo non meccanico oltre che di una buona manualità. Il profilo al quale si ambisce dovrà inoltre essere non solo in possesso di patente B ma anche caratterizzato da passione per i processi tecnologici.

Il corso sarà strutturato in tre parti, per complessive 1.500 ore. Una parte, costituita da 340 ore, si svolgerà in aula, con la formazione garantita da Aslam. Le restanti 460 ore si terranno invece direttamente in azienda, per la fase di on the job training, l’addestramento svolto direttamente sul posto di lavoro.

I partecipanti affronteranno successivamente un periodo (700 ore) di affiancamento a un futuro collega, prima di iniziare a muoversi autonomamente alle prese con i vari processi produttivi. Nel complesso, il progetto avrà una durata di circa dieci mesi e si concluderà prima di Natale.

L’obiettivo è raccogliere 11/12 candidature da parte di persone che, dimostrando capacità, abilità e impegno, saranno attese al termine del percorso formativo da un posto di lavoro sicuro come operatori meccanici su frese e alesatrici a controllo numerico, operatori di trattamenti termici e montatori di impianti industriali.

«È un’occasione importante per i giovani del nostro territorio – ha commentato Roberto Ati, responsabile delle risorse umane di Galbiati -, un invito a orientarsi alla meccanica, una delle eccellenze della nostra zona per figure che hanno competenze già acquisite in ambiti di studio parzialmente differenti rispetto a quello meccanico. Il periodo di formazione punterà proprio a convertire queste conoscenze già acquisite orientandole al settore meccanico, fornendo competenze negli ambiti del disegno tecnico, della progettazione Cad, delle tecnologie meccaniche, della metrologia, dei trattamenti termici dell’automazione impianti dell’organizzazione aziendale».

Per ottenere maggiori informazioni è necessario scrivere a [email protected]

© RIPRODUZIONE RISERVATA