Treno deragliato, in sei a rischio processo

Paderno La procura chiederà il rinvio a giudizio di macchinista, capotreno e responsabili della manutenzione

Treno deragliato, in sei a rischio processo
L’impatto dopo un viaggio “cieco” lungo sette chilometri

Il macchinista, il capotreno e anche i responsabili delle manutenzioni; ma non i vertici di Trenord.

Dopo due anni, la Procura di Monza ha chiuso le indagini e si appresta a richiedere il rinvio a giudizio per sei dipendenti dell’azienda di trasporti, ritenuti responsabili del deragliamento del treno che il 19 agosto 2020 partì senza guida dalla stazione di Paderno-Robbiate e poi, dopo una corsa lunga sette chilometri, fu fatto schiantare alla velocità di 80 all’ora contro la massicciata al termine del binario tronco nella stazione di Carnate.

Nell’impatto tre carrozze del Regionale numero 10776 volarono contro la massicciata verso le case e altre due finirono di traverso sui binari invadendo alcuni orti vicini.

A bordo solamente un passeggero che, miracolosamente, si salvò.

© RIPRODUZIONE RISERVATA