Tavoli da bar e banchetti dei negozi  Il Comune di Merate offre spazi all’aperto
MERATE - Negozi chiusi in via Manzoni (Foto by Fabrizio Alfano)

Tavoli da bar e banchetti dei negozi

Il Comune di Merate offre spazi all’aperto

Il municipio ha avviato una consultazione

per venire incontro ai bisogni dei commercianti

Tavolini di bar e ristoranti all’aperto. Ma anche bancarelle di commercianti, magari di abbigliamento, scarpe o librerie che così rispettano il distanziamento sociale e, insieme, riprendono a lavorare.

Il Comune di Merate sta cercando di capire quante sono le richieste degli interessati per gestire nel migliore dei modi possibili gli spazi a disposizione.

«Sicuramente arriveranno tante richieste da parte dei commercianti che cercheranno così di recuperare all’esterno lo spazio che non possono utilizzare all’interno - prevede l’assessore al Commercio Giuseppe Procopio - così abbiamo predisposto un modulo. Vogliamo avere un quadro il più possibile preciso delle esigenze, in modo da andare incontro a tutti e aiutare tutti quelli che vorranno sfruttare questi spazi per lavorare. Non pensiamo solo ai bar e ai ristoranti, ma anche a tutte le altre tipologie commerciali. Per esempio, penso ai negozi di abbigliamento, di scarpe e a tutti gli altri che vendono altri tipo di prodotto e che, in via temporanea, potrebbero attrezzarsi con un gazebo o un banchetto per esporre la propria merce».

Virtualmente, il provvedimento riguarda tutta la città ma è chiaro che in realtà saranno interessate soprattutto quelle zone dove si trovano le attività commerciali. In primis, quindi, piazza Prinetti e via Manzoni, viale Lombardia e via Verdi ma, conclude l’assessore, «anche tutte le altre dove vi siano esercizi commerciali e suolo pubblico che può essere occupato».

Sul sito dell’amministrazione è stato pubblicato un documento che va compilato per la presentazione della domanda di occupazione temporanea del suolo pubblico e che garantirà lo spazio in maniera assolutamente gratuita, come previsto dal decreto del presidente del consiglio dei ministri.n 
F.Alf.


© RIPRODUZIONE RISERVATA