Santa Maria hoè, sindaco  derubato in auto  «La chiavetta usb mi serve per la tesi»
Il vetro sfondato dell’auto

Santa Maria hoè, sindaco derubato in auto

«La chiavetta usb mi serve per la tesi»

L’auto di Efrem Brambilla scassinata a Campsirago era parcheggiata nel parcheggio pubblico . Nel pc documenti importanti per gli studi: «Restituitemeli»

Il sindaco Efrem Brambilla vittima dei ladri. Nella serata tra il 15 e il 16 agosto, dopo avere lasciato in auto una borsa con un computer portatile e un altro borsone con molti capi di abbigliamento, il primo cittadino di Santa Maria Hoè se l’è ritrovata vuota.

Brambilla aveva lasciato la sua Fiat 500 nel parcheggio pubblico che porta a Campsirago non lontano dal ristorante La stata del Re a Campsirago, che gestisce il padre, il famoso pittore Sancina. Quando vi ha fatto ritorno qualche tempo più tardi, ha trovato il vetro del finestrino sfondato. Dal bagagliaio, ignoti avevano asportato il borsone con i vestiti e soprattutto il pc. Al bottino, quantificabile in circa 2 mila euro, vanno poi aggiunti i danni per riparare l’automobile.

Ma al di là del danno economico, il furto rischia di creare grossi problemi agli studi del primo cittadino. Il sindaco, infatti, spiega infatti che attaccato al computer portatile c’era una chiavetta Usb e una scheda di memoria sui quali erano registrati file importanti per un prossimo esame di economia che il primo cittadino avrebbe intenzione di sostenere a settembre e altro materiale importante per la sua tesi di laurea.

«Se non ritroverò la chiavetta e la scheda devo ricominciare tutto dall’inizio e ho poco tempo per prepararmi all’esame. Purtroppo è stato ritrovato solo lo zaino del computer. Lancio un appello: non mi interessa riavere borse e vestiti e nemmeno il pc ma rivorrei i supporti informatici fondamentali per la mia preparazione universitaria. Non hanno alcun valore economico ma per me sono molto importanti».

Secondo Brambilla, i ladri potrebbero averlo tenuto d’occhio e avere agito quando lo hanno visto allontanarsi.

In auto, prima di parcheggiarla davanti al ristorante di famiglia, Brambilla aveva infatti messo quello che gli serviva per trascorrere il week-end nella casa a Campsirago, acquistata recentemente con la compagna Eleonora. L’altro giorno, rientrato dalla vacanze, il primo cittadino ha deciso di raggiungere i carabinieri della stazione di Brivio per denunciare il furto e contemporaneamente lancia l’appello.n F.Alf.


© RIPRODUZIONE RISERVATA