Rave party a Colle Brianza  Interrotto dai carabinieri
Colle Brianza - Il raduno illegali nei boschi di San Genesio, tra le frazioni di Cagliano e Giovenzana

Rave party a Colle Brianza

Interrotto dai carabinieri

La festa a San Genesio nonostante le limitazioni anti Covid

I militari sono stati chiamati dai residenti, disturbati dalla musica alta

All’inizio, visto l’orario, ossia la tarda mattinata di oggi, si era pensato a una grigliata (o comunque a un pranzo in compagnia) comunque non autorizzata; o meglio: in violazione alle norme anti Covid che proibiscono i cosiddetti “assembramenti”.

In realtà, stando a quanto è stato possibile appurare, il movimentato raduno andava avanti già dalla sera precedente: lo si potrebbe forse, dunque, definire “rave party”, ma saranno gli accertamenti dei carabinieri della Compagnia dell’Arma di Merate, intervenuti sul posto, a dover dare una risposta agli interrogativi dei residenti nelle frazioni di Cagliano e Giovenzana, a Colle Brianza, che avevano allertato il numero unico per le emergenze per chiedere di accertare quello che stava accadendo a Colle Brianza, nei boschi di San Genesio.

Dove la musica, come è poi stato accertato “rimbombava” sin dalla sera prima e non solo dalla mattinata di domenica, con tanto di automobile posteggiate lungo la strada che dà accesso ai principali sentieri della zona. Quindi, altro che grigliata.

La festa “fuorilegge” era iniziata la sera prima: al momento non sono affatto chiare le modalità di intrattenimento, né il numero di partecipanti.

I decibel erano comunque percepibile a diverse centinaia di metri di distanza, cosa che ha spinto i residenti a chiedere l’intervento delle autorità competenti.

Sul posto quattro pattuglie di carabinieri della Compagnia di Merate, per accertare i fatti e valutare eventuali provvedimenti da assumere, anche e soprattutto in relazione alle norme anti-Covid che mettono al bando gli assembramenti; con loro anche il sindaco Tiziana Galbusera.


© RIPRODUZIONE RISERVATA