Rapina nel sottopasso della stazione  Calci e pugni per rubare il telefonino
Il sottopasso della stazione dove si è consumata la rapina

Rapina nel sottopasso della stazione

Calci e pugni per rubare il telefonino

Cernusco Un giovane di 27 anni è finito all’ospedale per essersi difeso dall’aggressione. Le telecamere hanno ripreso l’accaduto, la vittima è stata soccorsa da alcuni passanti

Un’aggressione violenta, una colluttazione che ha portato la vittima all’ospedale. È questa la dinamica della rapina avvenuta alle 22,05 di mercoledì sera nel sottopasso della stazione ferroviaria di Cernusco-Merate, quello che porta al parcheggio di via Stoppani. È stata anche una rapina abbastanza anomala, considerata la vittima, un giovane di 27 anni del paese che ovviamente si è difeso, facendosi anche valere.

Non era pensabile che non reagisse, ed infatti ha causato dei danni al rapinatore, un uomo più o meno suo coetaneo, sembra proveniente da un paese dell’Est Europa, visti i lineamenti e quanto riferito sul suo accento. Tutta la vicenda è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza della stazione, installate dal Comune di Cernusco ormai qualche tempo fa: «Spero proprio che le riprese siano utili ai carabinieri di Merate che stanno indagando sull’accaduto – riferisce il sindaco di Cernusco, Giovanna De Capitani – anche perché le immagini hanno inquadrato abbastanza chiaramente il volto dell’aggressore». La speranza è di riuscire ad identificarlo confrontando le immagini con quelle presenti nelle banche dati delle forze dell’ordine, è infatti probabile che sia un soggetto con dei precedenti e da qui potrebbe scaturire il riconoscimento. Il rapinatore è scappato con il cellulare.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola sabato 8 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA