Raid di S. Silvestro
Auto danneggiate

A Santa Maria Hoè numerosi episodi di vandalismi in frazione Bosco Si sono verificati dopo la mezzanotte, durante i festeggiamenti all’aperto

Raid di S. Silvestro Auto danneggiate
Una vistosa ammaccatura su una delle auto oggetto di vandalismi

Vandalismi nella notte di San Silvestro. Santa Maria Hoè ha visto la stupidità di qualche vandalo esibirsi e scatenarsi dopo la mezzanotte del 31 dicembre, allo scoccare dell’anno nuovo. È stata colpita tutta la zona della frazione Bosco, lungo la strada provinciale 58, subito dopo l’area industriale, all’altezza del ristorante La Vigliacca, dove si trova anche l’area sgambamento per i cani ed il campo da basket libero, assieme ad un parcheggio pubblico. Qualcuno approfittando del rumori dei festeggiamenti, ha danneggiato una serie di auto e mezzi parcheggiati nelle vicinanze del ristorante, chiuso da tempo. Parecchie persone infatti sono scese in strada e nei giardini per far scoppiare petardi, razzi e mortaretti, ma c’è chi è voluto andare oltre.

La presenza di qualcuno all’esterno, in quel frangente, non avrebbe destato sospetti, anzi, il posteggio ed il campo da basket sono proprio uno dei punti di ritrovo di giovani e ragazzi, ed alcuni di loro sono andati a far scoppiare i fuochi per festeggiare l’anno nuovo. Poi qualcuno si è scatenato contro le auto, ad alcune sono stati strappati i tergicristalli, ad un altra è stato rifilato un forte calcio sulla carrozzeria del posteriore, che costerà qualche centinaio di euro di riparazioni.

Variegata la tipologia dei danneggiamenti perpetrati alle vetture in sosta.

Ad un furgone sono stati strappati i tergicristalli e danneggiati i fari. Poi sono stati rigati alcuni vetri, al ristorante è stata strappata una zanzariera. «Ma che cosa hanno nella zucca quei deficienti che si sono approfittati dei rumori dei festeggiamenti per arrecare danni? Se i vandali verranno identificati attraverso sistemi di videosorveglianza attivi in zona o altro non ci saranno sconti per nessuno», commenta il sindaco Efrem Brambilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA