Merate: «Vostro figlio è in arresto»  Finti carabinieri truffano due anziani
Via San Francesco, scenario dell’ennesima truffa agli anziani

Merate: «Vostro figlio è in arresto»

Finti carabinieri truffano due anziani

I coniugi disorientati davanti alla falsa pettorina hanno consegnato soldi e oro

Un bottino di quattromila euro. Dall’Arma l’appello e i consigli per non cadere in trappola

«Suo figlio è stato arrestato. Non ha commesso nulla di grave ma per poterlo rimettere subito in libertà, ci sarebbe la possibilità di pagare subito qualcosa».

Queste, grosso modo, le parole che due falsi carabinieri avrebbero pronunciato sull’uscio di casa di una coppia di settantenni residenti in via San Francesco, in pieno centro città.

I due coniugi, spaventati e disorientati, di fronte agli individui che avevano modi gentili e che, al di sotto delle giacche, mostravano pettorine che hanno scambiato per quelle in dotazione alle forze dell’ordine, sono subito caduti nella trappola.

Residenti in una villetta che si affaccia sua via San Francesco, sembra anzi che i due avessero appena prelevato soldi al bancomat e che proprio questo particolare abbiamo convinto i truffatori

Un dettaglio che potrebbe indicare il fatto che i malviventi si aggirano in zona con orecchi e occhi ben aperti e che, nel momento in cui intercettano una potenziale vittima, passano immediatamente all’azione.

La truffa ai danni dei due meratesi, il cui nome di aggiunge a un elenco che di giorno in giorno si fa sempre più lungo, è avvenuta nel primo pomeriggio di venerdì.

Una volta trovatisi di fronte i due sconosciuti, gli anziani, spaventati e presi in contropiede, non ci hanno pensato un attimo a consegnare il contanti (una cifra consistente, che parrebbe aggirarsi attorno ai 3-4 mila euro), oro e gioielli, dietro la rassicurazione che il figlio sarebbe stato liberato. Più tardi, forse ripresisi dallo spavento, hanno provato a contattare il figlio o i carabinieri e così hanno scoperto di essere stati raggirati. I due delinquenti, nel frattempo, si erano già allontanati.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola martedì 11 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA