«La nostra piscina è in vendita»  Ma sarà usata solo per lo sport
La piscina di Barzanò in una foto d’archivio

«La nostra piscina è in vendita»

Ma sarà usata solo per lo sport

Chi l’acquisterà dovrà garantire corsi di nuoto e nuoto libero

«Non vogliamo che possa diventare un circolo privato o una spa»

Chi si aggiudicherà il centro natatorio di via Cristoforo Colombo a Barzanò dovrà mantenerlo tale almeno per i prossimi vent’anni.

Al di là del prezzo a base d’asta inserito nell’avviso pubblico di vendita, è questo il vincolo più importante che i proprietari dell’immobile (i Comuni di Barzanò, Casatenovo, Cremella, Missaglia, Monticello Brianza e Sirtori) hanno inserito.

«Abbiamo deciso di prevedere questo vincolo, sui cui naturalmente tra noi sindaci c’è stata parecchia discussione - spiega il primo cittadino di Barzanò Giancarlo Aldeghi - perché se non lo avessimo fatto, avremmo corso il rischio di ritrovarci senza un servizio per i cittadini. Vincolando l’utilizzo della struttura come piscina per vent’anni, garantiamo per questo periodo di tempo corsi di nuoto e nuoto libero a tutti quelli che vivono in zona. Senza il vincolo, l’acquirente avrebbe potuto trasformare l’immobile in un club privato oppure, anche se l’ipotesi mi sembra piuttosto remota per i costi ulteriori, in una Spa».

L’importo a base d’asta dell’immobile, in base a una perizia tecnica, è stato calcolato in 2.830.000 euro. Di questi, 2.200.000 sono per la sola struttura mentre i restanti 630.000 sono per il terreno, di esclusiva proprietà di Barzanò. Le offerte, che dovranno essere effettuate entro il 21 marzo, dovranno essere tutte al rialzo. Preliminarmente alle offerte, è stato inoltre stabilito che gli interessati effettuino un sopralluogo, per constatare di persona lo stato in cui si trovano l’immobile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA