Bisonti sul ponte di Osnago  Il sindaco tira le orecchie alle aziende
Osnago - Cemento deteriorato e aste di ferro corrose: il cavalcavia potrebbe non sopportare il peso dei Tir

Bisonti sul ponte di Osnago

Il sindaco tira le orecchie alle aziende

Sul cavalcavia nonostante il limite delle 7 tonnellate

Nel mirino soprattutto le ditte di Lomagna

Alla faccia della sicurezza. Sul cavalcavia di via Copernico sono stati registrati diversi transiti abusivi di mezzi pesanti.

Nelle passate settimane alcuni cittadini hanno visto camion passare sul ponte nonostante questo sia ufficialmente chiuso dallo scorso settembre ai mezzi superiori alle 7 tonnellate.

«Questo limite – accusa il capogruppo di minoranza Marco Riva – è stato regolarmente ignorato». Ed è per questo che, negli scorsi ha presentato un’interpellanza in cui chiedeva come l’amministrazione abbia verificato il rispetto dei divieti, in base a quali parametri sia stato individuato il limite e come si spiega la deroga per il bus scolastico che supera le sette tonnellate.

«Vorremmo che venissero installate delle telecamere che sorveglino il cavalcavia - dice Riva - ma l’amministrazione non ritiene necessaria questa misura, visto che la polizia locale è dotata di una telecamera mobile che, all’occorrenza, può essere utilizzata per questo tipo di sorveglianza».

Il problema dei transiti di mezzi pesanti però è reale, tanto che il Comune amministrato dal sindaco Paolo Brivio ha inviato ad alcune aziende di Lomagna una comunicazione in cui si segnala il divieto e la richiesta di comunicare a fornitori e corrieri l’impossibilità di transitare dalla ex provinciale 55 sul cavalcavia.

L’articolo completo sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA