Pagelle: al Fiocchi linea dura

sul voto in condotta

Il preside: «Vogliamo far capire ai ragazzi che non sono tollerati comportamenti non consoni»

Pagelle: al Fiocchi linea dura sul voto in condotta
Una lezione nel laboratorio di chimica del Fiocchi

Sei in condotta: all’istituto Fiocchi non si scherza. Il preside Claudio Lafranconi ha deciso di dare un forte e chiaro segnale di severità.

«Buona parte degli scrutini sono ormai terminati. Le classi già valutate hanno ricevuto o stanno ricevendo le pagelle online. Nella media i voti sono discreti. Ci sono delle classi eccellenti dove ho dato anche dei dieci in condotta - dice Lafranconi - a quei ragazzi che aiutano gli altri compagni nello studio. Purtroppo ho dato anche dei sei, mi spiace ma non si scherza. Ci sono alcune situazioni gravi, con studenti che hanno già avuto vari richiami, ed un paio di sospensioni, e nonostante tutto continuano ad avere comportamenti non consoni».

Il sei è comunque recuperabile. «Mettendocela tutta, impegnandosi e comportandosi come richiesto in una scuola - prosegue il preside del Fiocchi- si può salvare l’anno scolastico. Nella media il voto in condotta è nove, oltre a vari otto, qualche sette e pochi sei che però sono stati assegnati per dare un segnale forte».

Quanto ai voti le classi finali hanno poche insufficienze. Per lo più le materie da recuperare sono nel biennio.

«La prossima settimana gli studenti con difficoltà, con più insufficienze riceveranno una lettera personale, a ciascuno scriviamo una lettera calata sulla sua situazione, dove ci sarà il chiaro invito ad impegnarsi - sottolinea il dirigente Lafranconi -. Niente di omologato, ma per tutti una lettera personale sullo stile di “Vedi tu ragazzo di metterti a studiare, di impegnarti”. Il nostro obiettivo è accompagnare gli studenti, aiutarli e offrire loro la possibilità di recuperare le insufficienze».

Al Bertacchi ieri mattina sono state inviate a casa le pagelle, anche in questo caso online. Collegandosi al registro online le famiglie inseriscono la loro password, e da lì possono scaricare la pagella del figlio.

Pochi i problemi nei licei, qualcuno in più nel professionale.

«Le classi dei licei vanno bene - dice il vice preside Andrea Bello - in media su venticinque studenti ce ne sono tre o quattro che hanno insufficienze recuperabili. Nel professionale le difficoltà sono nel biennio, poi negli ultimi anni nella media i risultati sono buoni».

Problemi soprattutto nelle prime e seconde del professionale. Al Bertacchi, ma anche in altre scuole il biennio resta il periodo più ostico. Superati i primi anni le difficoltà diminuiscono e i voti, salvo qualche caso, sono discreti.

Al Badoni i lavori sono ancora in corso. «Gli scrutini si chiudono il 10 febbraio - precisa Paolo Achler, collaboratore del preside Angelo De Battista -. Finora i voti sono nella media degli scorsi anni. Le pagelle saranno online».

L’anno scolastico è arrivato a metà strada, e con il secondo quadrimestre si decide l’esito finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA