Lecco, l’impresa sostenibile

in venticinque domande

La Camera di Commercio di Como e Lecco ha predisposto un questionario per l’autovalutazione - Poi un corso di strategia sulla responsabilità sociale

Lecco, l’impresa sostenibile in venticinque domande
Marco Galimberti, presidente della Camera di commercio

Tre minuti per 25 domande, è il questionario di autovalutazione che Camera di Commercio Como-Lecco suggerisce alle imprese di tutti i settori merceologici, preferibilmente con meno di 50 dipendenti. Si vuole indagare tutto quanto già si sta facendo, magari in modo non formalizzato, poco comunicato e disomogeneo, nell’ambito della sostenibilità e responsabilità sociale e ambientale.

Un sommerso da far emergere, inteso in modo positivo, per mettere a fuoco il posizionamento delle imprese e da valorizzare magari in termini di marketing e di sinergie tra diversi settori.

L’iniziativa si iscrive all’interno del più ampio progetto Smart, Strategie sostenibili e modelli di aziende responsabili nel territorio transfrontaliero, promosso dalla Camera di Commercio di Como-Lecco, Supsi, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, Confindustria Como, Università Bocconi e SQS e finanziato dal Programma di cooperazione Interreg V-A Italia-Svizzera.

Il macro obiettivo del progetto è diffondere la conoscenza e la condivisione delle buone pratiche per stimolare le imprese a scegliere strategie sostenibili come fattore di sviluppo e competitività, si traduce ora in una mappatura di tutte quelle buone pratiche diffuse nelle aziende, qualificanti per le loro attività e misconosciute dal sistema.

Inoltre dall’analisi dei dati raccolti sarà possibile dedurre gli interventi necessari e orientare le future azioni in tema di sostenibilità e di responsabilità sociale per lo sviluppo dell’area lariana.

Ma la proposta del questionario è soprattutto un invito all’auto valutazione. Lo scopo è aggregare un network di realtà produttive coinvolte sul tema, a loro si propone la serie di laboratori on line di Progetto Smart. Il percorso è una formazione, gratuita per le imprese, in sei lezione con docenti anche della Scuola superiore Sant’Anna e della Supsi per favorire percorsi di sostenibilità e guidare l’adozione di strategie di responsabilità sociale di impresa. A queste si aggiungono i servizi di Camera di Commercio di formazione e consulenza su misura per le aziende che hanno esigenze specifiche su problemi diversi, chi affronta il tema del riutilizzo dei rifiuti e di economia circolare, chi si occupa di export, il ventaglio è ampio. Il test di autovalutazione è disponibile sul sito comolecco.camcom.it e sul sito del progetto Smart. La raccolta dei dati non avrà termini di scadenza e le imprese avranno la possibilità di aggiornare i propri dati, in base all’evoluzione delle nuove iniziative intraprese nel tempo. In questo modo il monitoraggio del valore reale delle aziende comasche sarà costante e sarà possibile stimare nel tempo il loro impatto sul territorio e quindi affinare strumenti e strategie per orientare le future politiche di sviluppo economico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA