La Valsassina piange Giandomenico Beri
Giandomenico Beri aveva 62 anni

La Valsassina piange Giandomenico Beri

Primaluna È deceduto ieri a 62 anni il noto ambulante impegnato per anni nell’associazione di categoria Fiva

Conosciuto per il suo negozio di scarpe, aveva militato nell’Udc ed era stato eletto nel 2004 in consiglio provinciale

Giandomenico Beri, 62 anni, notissimo commerciante ambulante e già titolare del negozio di calzature Beri Valshoes se ne è andato. La terribile notizia ha iniziato a diffondersi nella serata di ieri, lunedì, lasciando sgomenta la Valsassina, ma non solo.

L’impegno

Beri, residente a Cortabbio di Primaluna con la moglie Laura e un figlio, era volto noto anche nel Lecchese, al di là del lago e nelle valli bergamasche proprio per la sua attività di ambulante.

Ma il suo impegno andava bene oltre la semplice attività di commerciante. Era, infatti, attivo in Confcommercio, per diversi mandati era stato presidente provinciale della Federazione italiana venditori ambulanti (Fiva) e successivamente aveva ricoperto anche l’incarico di presidente regionale e quello di consigliere nazionale. In ambito locale, invece, era stato presidente dei commercianti della Valsassina.

Al già notevole impegno nelle associazioni di categoria, Giandomenico Beri aveva affiancato anche quello politico, che lo aveva portato a sedere in Consiglio provinciale, nelle file dell’Udc fra il 2004 e il 2009, e successivamente a essere consigliere comunale a Primaluna.

Presenza immancabile nei mercati e nelle fiere con la sua bancarella di calzature, con un occhio di riguardo per quelle da montagna e da lavoro, nei mesi difficili del lockdown aveva dato prova di grande spirito imprenditoriale dotandosi di un piccolo carrello a traino con il quale raggiungeva i clienti anche nelle località più sperdute.

Beri aveva iniziato l’attività commerciante seguendo le orme del padre Giovanni, storico presidente del gruppo Alpini di Cortabbio, mancato lo scorso mese di aprile all’età di 88 anni.

In queste ore la comunità di Primaluna e Cortabbio di sta stringendo alla famiglia Beri, così duramente colpita da una perdita dolorosa, improvvisa e inimmaginabile.

Tanti i messaggi di cordoglio giunti da amici, colleghi, conoscenti, ma anche dal mondo politico e amministrativo. Primo fra tutti quello di Mauro Artusi, sindaco di Primaluna, che commenta:

«Credeva nell’impegno»

«La notizia mi sorprende e rattrista. Giandomenico Beri è stato una persona sempre molto impegnata per tutelare la categoria dei commercianti ambulanti, ma anche il nostro territorio, sia in ambito provinciale come consigliere, che in Comune, seppur come consigliere di opposizione. Una opposizione fatta, però, sempre in maniera costruttiva, nell’ interesse di tutta la comunità.

Era una di quelle poche persone che ancora credeva nella politica come doveroso impegno nell’interesse di tutti. Se ne va dopo pochi mesi dalla scomparsa del padre Giovanni, figura storica degli alpini di Cortabbio e a sua volta amministratore e commerciante».

Al momento non è ancora stata fissata la data dei funerali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA