La Fiocchi munizioni  stabilizza 47 lavoratori
La Fiocchj munizioni si prepara a chiudere un altro anno positivo

La Fiocchi munizioni

stabilizza 47 lavoratori

Confermato il pagamento anticipato di una parte del premio di risultato ai 630 dipendenti

La Fiocchi munizioni si prepara a chiudere un altro esercizio positivo.

Il presidente Stefano Fiocchi aveva già anticipato ai lavoratori, riuniti al Palataurus per la festa annuale, che il 2015 si chiuderà bene. La notizia è stata ribadita in un incontro che la direzione di via santa Barbara ha avuto con Fiom-Fim e Uilm.

Nell’esercizio che si sta chiudendo, la Fiocchi munizione ha trasformato 47 contratti a tempo determinato in assunzioni definitive: ora i dipendenti sono 630. L’azienda ha anche confermato ai sindacati, l’intenzione di anticipare a questo mese il pagamento della prima parte del premio di risultato ai lavoratori.

Nel 2016, Fiocchi munizioni festeggerà 140 anni di attività. E a proposito di questo significativo traguardo e sulle prospettive del prossimo anno, Stefano Fiocchi durante la festa con i lavoratori aveva anticipato: «Il 2016 sarà buono. Vorrei ringraziare tutti i dipendenti».

Con 630 dipendenti, un fatturato da oltre cento milioni di euro, e tutti i dati economici in salita, la Fiocchi è sempre più trainante per l’economia lecchese. La Fiocchi quest’anno punta ad arrivare a 120 milioni di fatturato. Lo sviluppo all’estero è trainato dagli Stati Uniti dove nel Missouri c’è la sede di Fiocchi of America. Quindi ci sono le sedi a Rosario in Argentina, in Nuova Zelanda e a Birmingham, la Fiocchi Uk. Oltre a una rete di vendita di circa ottanta punti di grande distribuzione. Senza contare tutte le armerie collegate.

Il tiro a volo occupa circa il 20 per cento del fatturato. Il resto deriva da attività civile (law enforcement ovvero forze di Polizia italiane ed estere).


© RIPRODUZIONE RISERVATA