In Canottieri Lecco la targa

che ricorda Giuseppe Badoni

È stata inaugurata l’epigrafe dedicata alla medaglia di bronzo della Prima guerra mondiale

In Canottieri Lecco la targa che ricorda Giuseppe Badoni
Il prevosto Davide Milani benedice le barche

Ieri alle 11 è stata inaugurata alla grande un’epigrafe dedicata a Giuseppe Riccardo Badoni, nella sede della Canottieri Lecco.

A promuovere l’iniziativa, in occasione del Centenario della Grande Guerra è stato l’istituto del Nastro Azzurro fra Combattenti Decorati al Valor Militare, il cui presidente provinciale è Mario Nasatti. L’appuntamento aveva lo scopo di ricordare la medaglia di bronzo ottenuta da Giuseppe Riccardo Badoni per l’installazione e mantenimento dell’impianto di teleferica sul monte Pasubio, relizzata nel 1916. Erano presenti alla cerimonia numerose autorità civili e militari.

Tra loro Liliana Baccari e Virginio Brivio, prefetto e sindaco di Lecco, Marta Badoni figlia di Giuseppe, Nasatti, Pippo Di Lelio, presidente Assoarma, soci Canottieri, una rappresentanza dei Bersaglieri di Lecco col presidente  Pier Giuseppe Mapelli, il generale degli Alpini Cesare Di Dato, iI gernerale dei Bersaglieri Umberto Raza, da Monza e il generale dei Bersaglieri Arnaldo Cassano e Antonio Rossi. Di Dato e Nasatti hanno dato brevi cenni sui fatti d’arma avvenuti sul Pasubio durante la Strafexpedition del 1916. Soprattutto sono stati ospiti graditissimi i Labari dell’Istituto Nastro Azzurro delle  federazioni Provinciali di: Milano, Monza Brianza, Como, Sondrio e Bergamo, oltre a quello di Lecco. A scoprire l’epigrafe hanno proceduto il prefetto e Marta Badoni. Contestualmente all’inaugurazione dell’epigrafe sono state benedette da monsignor Davide Milani, nuovo prevosto di Lecco, 5 nuove barche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA