I più votati in lista  È Antonio Rossi   il candidato d’oro
Scrutatori alle prese con il conteggio dei voti delle elezioni comunali di Lecco

I più votati in lista

È Antonio Rossi

il candidato d’oro

Le preferenze Il campione olimpionico ha 413 voti. Dietro di lui Zamperini con 362 e Bonacina con 317

È Antonio Rossi il recordman di preferenze nella tornata elettorale lecchese. L’olimpionico mette a referto una cifra addirittura superiore alla migliore di cinque anni fa: 413 voti, e la palma di più gradito del “circus” politico locale.

Ballottaggio

Completano il podio Giacomo Zamperini con 362 e Francesca Bonacina con 317 (che perde il primato ma conferma comunque un sontuoso trend di consensi). Quanto a Rossi, il commento a caldo è pacato, ma soddisfatto: «Non me l’aspettavo, ora ho una grande responsabilità nei confronti dei lecchesi. Ero un po’ preoccupato perché ho visto spesso il mio nome scritto a fianco di simboli errati – confessa l’attuale sottosegretario al Pirellone - e credevo di aver perso per strada troppi voti: spero di lavorare bene per Lecco, ovviamente in maggioranza, quindi l’obiettivo prossimo è vincere il ballottaggio. Mi metto a disposizione di Peppino e non vedo l’ora di iniziare quest’avventura».

Ma vediamo, lista per lista, le hit parade delle preferenze. Coalizione Ciresa, in Lecco Merita di Più va a valanga Emilio Minuzzo, con 292 voti. A distanza un altro uomo del viale, Gianni Caravia con 154, la giovane rivelazione Simone Brigatti (113), che precede di poco la coppia rosa Lo redana Colella (111) e Virginia Tentori (105). In casa di Fratelli d’Italia ha preso vita una sfida appassionante tra Giacomo Zamperini e Marco Caterisano. La vince l’ex consigliere con 362 voti a 288 (grande esordio, comunque, per il commerciante locale). Terza è Alessandra Rota, che certifica una crescita di consensi clamorosa dalle scorse elezioni 2015 e si attesta a 211 voti. Per quanto riguarda la Lega, si conferma ancora una volta il primato di Cinzia Bettega, 238 voti, seguita a ruota dal capolista Andrea Corti (214) che capitalizza i cinque anni di esperienza a Palazzo Bovara. Terzo è il decano Stefano Parolari (102) che precede di un solo voto la new entry Marta Bordogna (101). Per Lecco Ideale, come detto, trionfo di Rossi e ottima performance di Filippo Boscagli (uscente e confermato a quota 258). Seguono Lorella Cesana (156) e Chiara Nichetti con 152.

Rivelazione

È invece Massimo Riva il leader di preferenze in casa pentastellata: con 87 precede Mary Fogli (56). Appello per Lecco vede invece il primato dell’assessore uscente Gaia Bolognini (con 96 voti), prima di Alberto Fumagalli (87) e Giorgio Gualzetti (65). Chiudiamo con la coalizione a guida Mauro Gattinoni. AmbientalMente vede il successo di Alessio Dossi (160 preferenze) avanti a Renata Zuffi (118). A sinistra, Alberto Anghileri è solo terzo, preceduto da Emanuele Manzoni (139 voti) e D aniele Blaseotto (117). Per la rivelazione Fattore Lecco, invece, il primato è tutto di Emanuele Torri (299 voti) davanti a Chiara Frigerio (226 preferenze) e Matteo Ripamonti (203). Infine, il Pd. Francesca Bonacina è, come detto, la numero uno con 317 voti. Segue un’altra assessore uscente, Simona Piazza (225 voti). Quindi, infornata di sorprese e new entry: Pietro Regazzoni (209), Maria Sacchi (199) e Giovanni Tagliaferri (177).


© RIPRODUZIONE RISERVATA