Barzago,  si dipana il giallo del cadavere  Forse un giovane scomparso 10 mesi fa
I carabinieri all’interno del parco di Villa Ciardi dove è stato rinvenuto il cadavere

Barzago, si dipana il giallo del cadavere

Forse un giovane scomparso 10 mesi fa

Barzago Mistero vicino alla soluzione, si attendono gli esiti del Dna per confermare l’identità

Il ragazzo manca da quasi un anno e potrebbe corrispondere allo stato dei resti ritrovati

Potrebbe essere vicino alla soluzione il giallo del cadavere rinvenuto martedì di due settimane fa poco dopo mezzogiorno all’interno di una delle stanze dell’ex albergo-ristorante Villa Ciardi, in stato di abbandono ormai da tempo, da quando la società che lo gestiva è fallita.

Le indagini

Gli investigatori dei carabinieri del Comando provinciale di Lecco stanno attendendo gli esiti dell’esame del Dna, che potrebbero provare – al di là di ogni dubbio – che il corpo senza vita è di un giovane di 25 anni, la cui scomparsa da casa è stata denunciata dieci mesi fa. I tempi coinciderebbero con le prime risultanze dell’autopsia, affidata dal magistrato di turno Antonia Pavan, “in prestito” da Como alla Procura di Lecco fino a dicembre per dare una mano ai colleghi di stanza al quinto piano del Palazzo di Giustizia rimasti senza un capo e ancor più in sofferenza dopo la tragica scomparsa del sostituto procuratore Laura Siani, al primario emerito di Anatomopatologia dell’ospedale Manzoni di Lecco Paolo Tricomi.

Il corpo, infatti, non solo è stato rinvenuto in avanzato stato di decomposizione, ma con alcune parti già ormai solo scheletro: il che ha fatto ipotizzare al medico legale che fosse lì ormai da quasi un anno o poco meno. Era stato subito effettuato anche il test genetico, da confrontare con quelli a disposizione della banca dati delle forze dell’ordine sugli scomparsi: una volta che sarà pronto si potrà stabilire con certezza se il corpo appartenga davvero a quel giovane che manca da casa da dieci mesi.

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola mercoledì 14 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA