Anche Bonacina ha il suo comitato

«Vogliamo salvare scuola e rione»

Dopo Chiuso, un altro quartiere a rischio impoverimento decide di mobilitarsi

A breve una assemblea. Nessun genitore ha spostato i bambini alla Diaz di San Giovanni

Anche Bonacina ha il suo comitato «Vogliamo salvare scuola e rione»
Anche a Bonacina nasce il comitato per salvare la scuola

A Bonacina nasce un comitato per salvaguardare il futuro della scuola elementare Filzi e di tutto il rione.

Un comitato sull’esempio di quello di Chiuso, partito con l’obiettivo di fare tutto il possibile per mantenere aperta la scuola elementare Torri Tarelli, e che nel frattempo si è strutturato ed organizzato.

Tutti contro il Comune

Dopo Chiuso, anche Bonacina è coalizzata contro l’assessore all’istruzione Salvatore Rizzolino, e i partiti di maggioranza impegnanti in un piano di dimensionamento.

«Abbiamo deciso di creare un comitato per salvaguardare il futuro di Bonacina e della sua scuola - spiega Isabella Gianetri- nelle prossime settimane ci sarà la presentazione ufficiale, con una serata aperta al pubblico».

Al centro dell’attività del comitato di Bonacina la salvezza della scuola Filzi.

Voci di corridoio parlano di un sopralluogo effettuato nei giorni scorsi da parte del dirigente del comprensivo “Lecco 2” Angelo Falcone, a cui fa capo la Filzi. E il dirigente sembrerebbe essere stato molto sorpreso dalle ottime condizioni in cui si trova la struttura.

Una scuola che «andrebbe potenziata e non chiusa - prosegue Isabella Gianetri - il nostro comitato farà di tutto per smuovere ulteriormente l’opinione pubblica». Obiettivo salvare la prima elementare già per questo settembre, considerato che ci sono quindici alunni, di cui quattordici iscritti da subito e uno arrivato con qualche settimana di ritardo.

Intanto questa sera i genitori si mobilitano per intervenire al consiglio comunale indetto per parlare dei problemi della scuola

© RIPRODUZIONE RISERVATA