Al Lecco il derby

e il brindisi in Coppa

Un gran gol di Cardinio regala ai blucelesti il passaggio del turno, Olginatese imprecisa, Si vede l’impronta di gioco di mister Cuoghi, già in condizione De Lucia, Riva e l’autore della rete decisiva

Al Lecco il derby e il brindisi in Coppa
Cardinio esulta dopo il gol: un gran tiro che si è insaccato sotto la traversa

OLGINATE

Buona la prima. Un Lecco in palla - che ha ceduto, fisicamente, solo nei minuti di recupero alla preponderanza fisica dei bianconeri - ha portato a casa il passaggio ai trentaduesimi di finale della Coppa Italia.

Quel che più ha stupito è il fatto che il Lecco, formato tre settimane or sono, ha già una parvenza di gioco. La mano di Cuoghi si vede, eccome. Mancano solamente tre-quattro protagonisti per fare di questa bella sorpresa, una bella realtà. Bene i “vecchi” De Lucia, Cardinio, Riva. E soprattutto bene il non più giovanissimo Romano. Gli “under” combattono tutti anche se dovranno crescere. Da segnalare Di Giovanni, ficcante e dribblomane, sulla fascia. Non male neanche il centrale Garofoli, preso dalla Juniores dello scorso anno. Per il resto un Lecco da rivedere, ma con tanti ragazzi di belle speranze. Se la società affiancherà loro qualche solida realtà calcistica, ci si potrebbe divertire.

Il derby è stato deciso da un gran gol (di destro, lui che è mancino) di Cardinio al 13’ del secondo tempo.

SERVIZI E COMMENTI SUL DERBY DI COPPA ITALIA

NELL’EDIZIONE DI LUNED’ì 29 AGOSTO DE LA PROVINCIA DI LECCO

© RIPRODUZIONE RISERVATA