Strade da rendere più sicure  La Regione aiuta i Comuni
Claudia Maria Terzi

Strade da rendere più sicure

La Regione aiuta i Comuni

Lecco. L’aiuto del Pirellone: sono cinque i Comuni ad aver ottenuto il finanziamento regionale per la messa in sicurezza delle strade

Sono Costa Masnaga, Sirone, Monticello Brianza, Garlate ed Esino Lario, che portano a casa un contributo totale di quasi 190.000 euro.

Il bando dell’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi, era destinato esclusivamente ai piccoli comuni cui il Pirellone ha erogato 5 milioni di euro per finanziare 109 interventi che vanno dal consolidamento strutturale dei ponti alla riqualificazione degli incroci, dal completamento dei percorsi ciclopedonali alla sistemazione delle fermate del trasporto pubblico fino alla protezione di scarpate e declivi.

A Costa Masnaga sarà messa in sicurezza il percorso ciclabile e pedonale lungo il fiume Bevera, grazie ad un finanziamento regionale di 59.640,00 €. Ammonta invece a 30.800 € il contributo per il comune di Sirone che lì utilizzerà per l’adeguamento degli attraversamenti pedonali. A Monticello Brianza arriveranno 14.420 € per il progetto che prevede la realizzazione del marciapiede lungo via Battisti. Cospicuo il finanziamento anche per Garlate - 52.750,41 €- per una serie di interventi di messa in sicurezza in paese. Chiude l’elenco Esino Lario che ha a disposizione 29.400 € per il miglioramento della strada comunale esistente di Ortanella - Monte Fopp.

«Il fondo straordinario – ha spiegato l’assessore Terzi - è stato pensato per aiutare fattivamente i Comuni sotto i 5.000 abitanti e le Unioni dei Comuni, tenendo conto che le piccole realtà spesso, in passato, sono state impossibilitate ad effettuare fondamentali lavori per la messa in sicurezza delle strade perché negli anni, sui loro bilanci, hanno inciso negativamente i tagli operati dai Governi precedenti e i vincoli di spesa. Misure che dimostrano l’attenzione di Regione Lombardia al tema, prioritario, della messa in sicurezza delle infrastrutture».

Il contributo erogato è pari al 70% del costo dell’opera. Erano finanziabili interventi fino a 100.000 euro, che salgono a 200.000 per quelli che riguardano ponti e cavalcavia.

La Giunta regionale ha deliberato inoltre una riprogrammazione dei termini di conclusione dei lavori ammessi al finanziamento in oggetto e di realizzazione delle spese sostenute, e rideterminato le scadenze in ordine alla rendicontazione delle opere eseguite.

I lavori in atto possono essere completati entro il 30 novembre 2019.


© RIPRODUZIONE RISERVATA