Sperone a rischio, lo dice anche il drone   «Niente allarmi, ma bisogna intervenire»
La strada provinciale 72 e lo sperone di roccia (semicoperto dalla vegetazione) che incombe su di essa

Sperone a rischio, lo dice anche il drone 

«Niente allarmi, ma bisogna intervenire»

Mandello, la roccia che incombe sulla Sp 72 fa paura

Le reti para massi non bastano più

Incombe il pericolo sulla strada provinciale 72. Lo sperone di roccia sotto San Giorgio, all’altezza della curva detta della “Canottieri” sotto cui si apre la sede del sodalizio, è a rischio di crollare.

È necessario un intervento di pulizia e il cambio delle reti di protezione.

«Abbiamo affidato al geologo Christian Adamoli lo studio per la verifica delle condizioni roccione, e la fotografia che ne esce non è delle più rassicuranti - spiega Andrea Tagliaferri, assessore ai lavori pubblici di Mandello - È stata fatta una verifica con tanto di drone. I risultati saranno ufficializzati a breve, ma è comunque ormai evidente come sia necessario un intervento di messa in sicurezza, iniziando a togliere la vegetazione, per poi pulire la roccia e cambiare le reti para massi che ormai sono datate e non più a norma: al momento reggono, ma necessitano di essere sistemate e in più parti completamente cambiate».

L’articolo completo sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA