Perledo, in permesso con la 104  ma gestiva un bed & breakfast
La donna licenziata gestisce il residence a Bologna di Perledo “Le Terrazze”

Perledo, in permesso con la 104

ma gestiva un bed & breakfast

Si assentava dal lavoro, alla Provincia di Monza, per il padre

E’ stata licenziata. L’avvocato: «Ricorreremo»

Licenziata dall’Amministrazione provinciale di Monza e Brianza, dove lavorava, perché avrebbe approfittato dei permessi di lavoro della legge 104/92, per assistere il padre con disabilità, per gestire un lussuoso residence di Perledo.

Lo stesso che, proprio ieri (per pura combinazione) è stato oggetto di un’ordinanza del Comune per abusi edilizi.

Destinataria del provvedimento di licenziamento è una brianzola di 59 anni, a chiusura dell’inchiesta della Procura di Monza che l’ha iscritta nel registro degli indagati per il reato di truffa aggravata commessa da un impiegato pubblico. Pedinamenti e accertamenti sui tabulati telefonici fatti lo scorso autunno hanno portato ad una segnalazione alla magistratura.

L’interessata demanda al suo legale ogni commento: «È questione di interpretazione della legge 104. La convivenza non deve per forza coincidere con la coabitazione - afferma l’avvocato Ivan Colciago del Foro di Milano –. A mio giudizio, il congedo non va inteso come esteso a tutte le ventiquattro ore, ma fino alle 17.30, termine dell’orario di lavoro della mia assistita.Che si recava a Perledo anche nell’interesse del padre, che lì ha un appartamento. Il licenziamento verrà impugnato da una collega esperta in materia».

Tutti i particolari su La Provincia di Lecco in edicola venerdì 22 marzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA