Bellano: per la Pesa Vegia  è partito il conto alla rovescia
Un anno fa, la lucia sul lago

Bellano: per la Pesa Vegia

è partito il conto alla rovescia

Lo storico appuntamento, ricco di suggestioni, andrà in scena sabato, alla vigilia dell’Epifania - Tutto quello che c’è da sapere: bar aperti fino alla 4, ristoranti fino alle 5, ma dalle 3 vietato servire alcolici

Si avvicina il grandioso e storico appuntamento della “Pesa Vegia 2019”, carico di novità e di quell’alone di magia che la contraddistingue.

Bellano si sta preparando con le ultime rifinire alle location che fanno parte della festa popolare del paese ed anche l’amministrazione comunale si è preparata con le disposizioni a cui si devono tenere i pubblici esercizi nella giornata del 5 gennaio.

Innanzitutto c’è la deroga alla chiusura dei pubblici esercizi alle 4 del mattino per bar, caffè ed esercizi che somministrano bevande ed alimenti anche di gastronomia. Dove invece vengono somministrati pasti al tavolo, quindi in ristoranti, trattorie e pizzerie, la chiusura resta invariata alle 5 del mattino. Dalle 3 comunque è vietata la vendita di qualsiasi bevanda alcolica.

Per tutta la giornata invece c’è il divieto di vendita per asporto delle bevande in contenitori di vetro e per la somministrazione all’esterno dei locali.

Anche quest’anno ci saranno i cammelli a portare i Re Magi ed altri animali esotici si potranno vedere all’interno del Castello di Re Erode, nell’ex cotonificio, ed all’Oasi dei Re Magi in zona lido.

Proprio questa location sarà la prima ad aprire, alle 15, poi un’ora dopo si potranno vitare il castello, il Presepe vivente all’eliporto di Puncia, al corte del Podestà ampliata con un intero borgo, nell’ex chiesa di San Nicolao, e (novità anche questa) ed il consiglio comunale storico nella rinnovata sala consiliare del municipio. In stazione infine sarà aperta l’osteria della Teresa di Pom, l’immancabile personaggio dell’evento bellanese.

Tutti i particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola giovedì 3 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA