Veleno sulle elezioni  Contro la lista unica  anche lettere anonime
Il sindaco Cristina Bartesaghi con il candidato (finora unico) Roberto Azzoni

Veleno sulle elezioni

Contro la lista unica

anche lettere anonime

AbbadiaLa fusione tra maggioranza e minoranza

suscita perplessità e il clima in paese si fa più pesante

Gli attuali assessori hanno lasciato per motivi personali

Elezioni ai veleni. Lettere contro “Progetto Abbadia” il gruppo guidato dal candidato sindaco R oberto Azzoni. Gruppo nato dalla fusione dell’attuale maggioranza e minoranza.

Al centro della questione

Ieri una lettera anonima o quasi ha fatto il giro del paese, sottoscritta da un non ben identificato gruppo “Cittadini scontenti di Abbadia Lariana”, che per rispetto proprio ai cittadini dovrebbe avere almeno un coordinatore o primo firmatario con tanto di nome e cognome.

Al centro della questione le critiche all’accordo tra maggioranza e minoranza sfociato in “Progetto Abbadia”, che in caso di vittoria avrà come sindaco Roberto Azzoni, oggi consigliere di minoranza, e come vice sindaco, con molte probabilità, l’attuale primo cittadino Cristina Bartesaghi.

«Non crediamo in questo accordo in quanto ne sottolineiamo la poca trasparenza e mancanza di continuità con l’amministrazione uscente. Se di vero accordo si fosse trattato ci si aspetterebbe una eguale presenza tra gli esponenti di entrambe le fazioni - scrivono gli anonimi nella lettera -. E non solo come numero ma anche come competenze ed esperienza di amministrazione».

Gli attuali assessori hanno lasciato per motivi personali. L’uscita di campo del vice sindaco Domenico Aiello, è stata per motivi di lavoro, come da lui più volte ribadito. Vice sindaco che come diceva in un’intervista da queste colonne: «Sono e resto contrario a questa unione tra due liste che per venticinque anni si sono date battaglia su tutto, non so neanche se effettivamente quello che sta nascendo sia una fusione». Che il clima non sia disteso è risaputo, e in una situazione di tutti contro tutti, non c’è da stupirsi che si facciano avanti gruppi di cittadini scontenti, e per assurdo potrebbe nascere anche il gruppo dei cittadini felici della fusione.

Mettersi in gioco

Il messaggio della lettera degli scontenti è quello di invitare a formare una seconda lista, sempre che si trovino persone pronte a mettersi in gioco.

Nel frattempo il candidato sindaco Azzoni ha presentato parte della sua compagine, che sarà formata da: Cristina Bartesaghi, Mattia Micheli, Gian Luca Rusconi, Luca Baldin, Elisa Cirillo, Paola Elia, Pietro Radaelli, Daniela Menetti, Aurora Radogna, Irene Azzoni, Roberto Gandin, e altri candidati che si aggiungeranno a breve.


© RIPRODUZIONE RISERVATA