“Contesto” ha scelto la sua promessa  Brienza, autore e promotore culturale
La premiazione di Davide Brienza, vincitore di Contesto 2019 (Foto by Francesca Marelli)

“Contesto” ha scelto la sua promessa

Brienza, autore e promotore culturale

Al San Teodoro di Cantù l’atto finale della seconda edizione della manifestazione musicale - Al secondo posto il progetto Sue di Susanna Cisini e al terzo il lecchese Arturo Fracassa

Si è conclusa la seconda edizione di Contesto, il concorso per cantautori organizzato dal Teatro San Teodoro di Cantù in collaborazione con BiBazz e la mediapartnership di CiaoComo.

Sul palco della location canturina si sono esibiti cinque progetti musicali, ascoltati ed applauditi da una platea raccolta e partecipe e valutati da una giuria di qualità attenta ed esperta. Al quinto e al quarto posto si sono qualificati, rispettivamente, Edoardo D’Amico e Valeria Rossi, in arte Cheriach Re.

Il terzo posto e il relativo premio, una serata live all’Ostello Bello Lake Como Hostel, sono andati all’artista lecchese Arturo Fracassa, mentre il secondo posto e un live durante l’edizione 2019 del Como Always Hop se li è aggiudicati il progetto Sue, formato dalla cantante e autrice milanese Susanna Cisini e dal chitarrista Marco Nava, accompagnati da Nicola Gallo alla fisarmonica. A vincere il primo premio (la registrazione di un EP di 3 brani acustici in duo o un singolo a band intera e la partecipazione al programma “Il Muro del Suono” di CiaoComo Radio), invece, è stato il ventunenne artista lucano Davide Brienza che, per la finale, ha proposto tre brani inediti e una cover accompagnato, alternativamente, da Alessandro Eretta al basso, Mario Gallus alle percussioni e Damiano Renna alle chitarre.

«Ho iniziato a fare musica a 12 anni – ha raccontato Davide il giorno dopo la vittoria – e, in Basilicata, dove vivevo, ho iniziato presto a suonare dal vivo in una band rock. Circa quattro anni fa mi sono messo a scrivere pezzi miei e due anni dopo mi sono trasferito a Milano per lavorare al mio progetto sia in acustico sia con altri musicisti, come quelli che mi hanno accompagnato nella mia avventura di Contesto, conosciuti proprio nell’ambiente musicale milanese. Abbiamo iniziato a lavorare insieme ai miei brani, che poi sono diventati nostri, e a suonare in diversi locali, per alcuni dei quali mi occupo anche della programmazione musicale. Ho da poco fondato un’associazione culturale, “Terra Amara”, che opera sul territorio di Rionero in Vulture in Basilicata ed ha come obiettivo la promozione di artisti locali, la valorizzazione di luoghi storici, l’integrazione, l’aggregazione e la condivisione sociale tramite l’organizzazione di eventi pubblici, la collaborazione con aziende ed attività locali e la valorizzazione del patrimonio enogastronomico regionale». Dalla Basilicata a Milano, da Contesto a tanto altro, grazie ad una serie di fortunati incontri, “il bello di questo lavoro”, per usare le parole dell’artista. «Il 15 e il 16 maggio suoneremo a Torino e il 26 al Miami Festival di Milano per il format romano “Spaghetti Unplugged”, senza dimenticare la data dell’8 giugno, che ci vedrà impegnati sul lago di Como per il Beer on Boat 2019. Senza dubbio, esibirmi sul palco del San Teodoro è stata davvero una grande emozione, suonare in un teatro regala un vestito diverso alle canzoni, perchè conferisce ai brani quel tocco di spiritualità in più che ne esalta forma e significato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA