Valmadrera, La raccolta funziona  Solo un passaggio e diminuisce la Tari
La situazione della raccolta rifiuti è migliorata, niente secondo passaggio

Valmadrera, La raccolta funziona

Solo un passaggio e diminuisce la Tari

La situazione dei rifiuti è migliorata , oggi siamo a cento sacchi non conformi su quattromila Il costo del servizio è sceso e di conseguenza la bolletta

Nessun secondo giro per la raccolta della carta, ma controlli più rigorosi per colpire chi non fa il proprio dovere. Nell’ambito della discussione in consiglio comunale circa le aliquote della tassa rifiuti, l’amministrazione valmadrerese ha fatto il punto della situazione a due mesi dall’entrata in vigore del bidone giallo

«Il problema della raccolta rifiuti c’è, lo sappiamo, ma la situazione è leggermente migliorata», ha commentato il primo cittadino Donatella Crippa. L’assessore Giampietro Tentori ha invece puntato il dito verso coloro che non vogliono adeguarsi alla nuova raccolta: «Siamo partiti a dicembre, in anticipo di un mese, per cercare di permettere a tutti quanti di abituarsi. Inizialmente siamo stati tolleranti, ma ora non possiamo più esserlo anche perché se Silea prende sanzioni per sacchi non conformi esse vanno poi a ripercuotersi sui Comuni. Devo comunque dire che si trova sempre meno carta nei sacchi viola, i cittadini stanno iniziando a capire. Oggi parliamo di 100 sacchi non confermi su 4000 nuclei famigliari e attività economiche.

È vero anche che c’è chi prova a fare il furbo abbandonando i propri rifiuti nei cassonetti pubblici. Con la fototrappola vicino al cimitero in una notte ne abbiamo beccati 8 e a Parè altri due che addirittura arrivavano da Malgrate. In questi casi, quando si risale al proprietario del sacco, magari attraverso la targa, sanzioniamo».

A tal proposito dalla minoranza è stata segnalata una situazione simile nella zona del Fatebenefratelli, dove alcuni cittadini inserirebbero i sacchi viola non conformi all’interno di sacchi grigi per farli poi ritirare con il rifiuto indifferenziato che così raddoppierebbe. Sempre dall’opposizione Elio Bartesaghi ha sollecitato a investire per un secondo giro di raccolta della carta:

«I dati dei quantitativi – ha replicato Tentori – dimostrano che in generale non c’è l’esigenza del secondo giro, non si riempie il bidone giallo tutte le settimane. Raddoppiare la raccolta costerebbe altri 55mila-60mila euro.

Per i commercianti, che hanno sì bisogno di un secondo giro della carta, abbiamo attivato una convenzione con il Centro farmaceutico missionario, che passa il venerdì mattina da 80 esercenti».

Qualità migliore

Inoltre una lieve diminuzione del costo della Tari è stato deciso all’unanimità dal Consiglio comunale. Il costo complessivo della copertura del servizio, nonostante l’entrata in vigore della raccolta separata dalla carta, è infatti sceso da 1.026.000 euro a 1.015.000 euro.

Una diminuzione di costi che permette all’amministrazione comunale di applicare una piccola riduzione delle aliquote, come spiegato dal primo cittadino Donatella Crippa: «il risparmio è stato ottenuto grazie al fatto che nello scorso anno siamo riusciti a effettuare una raccolta differenziata qualitativamente migliore. In questi anni il nostro Comune è l’unico a non aver aumentato le aliquote dei tributi, con il senno di poi ora avremmo qualche risorsa in più». La Tari dovrà essere pagato in due rate: la prima entro il 15 settembre, la seconda entro il 30 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA