Rissa fra parenti in piazza  In ospedale per un pugno
La piazza teatro della rissa

Rissa fra parenti in piazza

In ospedale per un pugno

La lite scoppiata

per vecchie ruggini

è stata subito sedata

dai carabinieri

Si sono incrociati in piazza e appena si sono visti, è scoppiata la rissa.

Una rissa nata tutta in famiglia, almeno fino all’arrivo di due pattuglie dei Carabinieri e di un’ambulanza intervenuti a calmare la situazione.

È stata una serata movimentata, quella di martedì, in centro paese.

Una vicenda complessa, ancora tutta da chiarire, ma che sta facendo parlare il paese perché avvenuta di sera, in pieno centro in piazza San Giorgio, in una serata di grande via vai, visto che in queste settimane, a poca distanza è in pieno svolgimento la “Festa Alpina” che richiama cena e centinaia di persone.

Stando quanto si è appreso tutto si è verificato intorno alle 21.30 e come detto, protagonisti di questa scazzottata sono stati i componenti di una famiglia molto nota in paese. Vecchi attriti, questioni mai risolte, non si sa con certezza quale sia stata la scintilla che ha fatto scoppiare la rissa, ma appena due parenti si sono incrociati in piazza, sono partiti i pugni. Tutto davanti alle mogli, ad altri famigliari e a qualche passante.

Una lite violenta, ma qualcuno fortunatamente ha provveduto a lanciare l’allarme e in poco tempo la piazza San Giorgio si è riempita. Sul posto sono giunte due pattuglie dei carabinieri di Olginate e dalla compagnia di Merate e perfino un’ambulanza dei “Volontari del soccorso” di Calolzio. I lampeggianti delle Forze dell’ordine e dei soccorre hanno ulteriormente attirato l’attenzione di passanti e residenti.

I militari hanno subito cercato di far calmare i coinvolti e di capire la situazione che è ancora in fase di accertamenti. Il personale sanitario ha dovuto prestare le cure a uno dei coinvolti, pare colpito da un pugno ben assestato e lo ha poi accompagnato in ospedale, in codice verde.

Come detto, la questione ora è in mano ai Carabinieri di Olginate. n 
Barbara Bernasconi


© RIPRODUZIONE RISERVATA