Ordigno di mortaio al Lavello   Già fatto scoppiare
I carabinieri hanno presidiato la zona durante il lavoro degli artificieri

Ordigno di mortaio al Lavello

Già fatto scoppiare

Calolzio: la bomba era stata notata vicino al monumento ai Marinai. Sono intervenuti gli artificieri

Un ordigno bellico risalente probabilmente alla seconda guerra mondiale è stato rinvenuto e subito fatto brillare nei pressi del monumento ai Marinai d’Italia al Lavello.

I frequentatori del Parco Martiri delle Foibe hanno seguito con stupore e curiosità, nelle prime ore di ieri mattina, le operazioni con le quali gli artificieri hanno proceduto alla bonifica della zona, a poca distanza dal centro sportivo ed al Dancing sport, nel mezzo dell’area mercato.

Un proiettile da mortaio, notato da un cittadino, il quale ha segnalato la cosa alle forze dell’ordine, le quali hanno fatto scattare la procedura di messa in sicurezza. A presidiare la zona sono intervenuti quindi i Carabinieri, che hanno monitorato il tratto di lungofiume durante le operazioni condotte dagli artificieri.

Dal canto loro, gli esperti hanno fatto brillare l’ordigno – di modesta entità, probabilmente rinvenuto in un solaio e “smaltito” in modo quanto meno approssimativo – secondo l’iter del caso, chiudendo la pratica già prima delle 9.30.

«Ho sentito un botto attorno alle 9, ma nessuno ci ha informato di quanto stesse accadendo e, di fatto, non mi sono preoccupato», ci ha spiegato un calolziese residente nelle vicinanze.

In ogni caso, le operazioni di bonifica del tratto non hanno causato disagi particolari né ai passanti, né tanto meno al traffico, perché la circolazione automobilistica scorre a una distanza tale da non essere stata interessata neanche lontanamente dalla messa in sicurezza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA