Lariana, la sicurezza   ora è una priorità
La strada Lariana che da Valmadrera arriva a Bellagio

Lariana, la sicurezza

ora è una priorità

Dopo l’ultimo incidente, nel prossimo tavolo di coordinamento in Prefettura i sindaci a confronto

Fasoli: «Avevamo chiesto un autovelox senza successo, riproporrò la questione». Negri: «In due giorni 6000 auto»

Non è una strada ad alta percorrenza, non ha la doppia corsia ma deve fare i conti con tante problematiche: il rettilineo in galleria che induce ad accelerare, la visibilità non sempre delle migliori nei tratti stretti tra le curve, i numerosi ciclisti che nelle belle giornate pedalano a volte con le luci spente, e pure automobilisti che le luci proprio non le accendono. Moto che sfrecciano a velocità assurde, numerosi gli incidenti avvenuti negli anni.

Il tema caldo

La sicurezza lungo la strada Lariana sarà uno dei temi al centro del tavolo di coordinamento tra Prefettura, Comuni e forze dell’ordine in previsione della stagione estiva.

Il tracciato da Malgrate raggiunge Valmadrera per poi passare su di un tratto di territorio che fa capo a Mandello, e da lì raggiungere Valbrona in provincia di Como, per poi arrivare ad Oliveto e allungarsi nelle frazioni di Onno, Vassena e Limonta e toccare Bellagio in provincia di Como.

Martedì attorno alle 18 la Lariana è tornata a sporcarsi di sangue con il grave incidente che è costato la vita ad Ezio Polti, 37 anni di Oliveto, le cui esequie si celebreranno domani, sabato, alle 10.30 nella chiesa di Onno.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola venerdì 5 marzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA