Calolziocorte: sicurezza in stazione  Arrivate le telecamere, poi si chiude
La stazione di Calolziocorte: installate le prime telecamere

Calolziocorte: sicurezza in stazione

Arrivate le telecamere, poi si chiude

Banchine e binari sorvegliati speciali per garantire la tranquillità dei numerosi pendolari - Ma si procederà con le prescrizioni decise dal prefetto

Il livello di sicurezza in stazione si alza: Rfi ha provveduto a installare le prime telecamere incaricate di monitorare costantemente la situazione nei vari settori in cui si articola la struttura, in attesa di procedere quindi – sulla base di quanto stabilito dal prefetto di Lecco, Michele Formiglio – alla chiusura notturna.

L’area più sensibile di Calolziocorte sotto il profilo dell’ordine pubblico, dunque, ha registrato uno degli attesi upgrade, grazie all’intervento posto in essere e finalizzato a sorvegliare i binari e le banchine, fungendo anche possibilmente da deterrente nei confronti dei pendolari che non utilizzano il sottopasso.

L’intervento di Rete Ferroviaria Italiana è stato accolto con favore anche in municipio. «È positiva questa maggior attenzione alla sicurezza della zona che anche Rfi ha recepito – ha commentato l’assessore alla Sicurezza, Luca Caremi -. La posa di nuove telecamere all’interno dell’area della stazione aumenterà il deterrente per i malintenzionati che potrebbero frequentare la zona. Da parte nostra lo spostamento del comando di Polizia locale e l’implementazione del nuovo impianto di videosorveglianza ci permetterà di mettere ancora più in sicurezza tutta l’area della stazione».

Tutti i particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola martedì 3 dicembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA