Attenzione al sociale e ai rioni   Mulargia presenta la sua lista
I componenti della lista “Malgrate più” che candida Roberto Mulargia

Attenzione al sociale e ai rioni

Mulargia presenta la sua lista

Malgrate: si è presentata la lista “Malgrate più” Candida sindaco Roberto Mulargia, avvocato

Si è presentata ai supporter - in una sala del palazzetto di via Gaggio gremita – la lista “Malgrate più”, che candida sindaco Roberto Mulargia, avvocato, 49 anni.

Gli altri in lista: Carmine “Nuccio” De Lillo, già assessore al Turismo; Luca Fabi, presidente della Proloco; Ivan Mamé, broker e componente del consiglio pastorale; Viola Garavelli, imprenditrice; Marco Vassena, ex presidente della Polisportiva; Francesca Bianchi, libera professionista e socia dell’Avis; il manager Paolo Gilardoni, fondatore con De Lillo dell’evento “CantaMalgrate”; Silvia Colombo, casalinga e socia del centro femminile “Cif”; Daniele Gobbo, ex collaboratore del Comune; l’avvocato Guido Corti, dirigente nel settore sportivo; Silvia Ponziani, impiegata e mamma; Giuseppe Figini, pensionato e dirigente sportivo.

L’assemblea ha fatto emergere numerose esigenze, insoddisfatte dall’attuale amministrazione, come le scarse proposte per i ragazzini che non fanno sport o non vanno all’oratorio, e l’insufficiente informazione sui servizi, per esempio in campo sociale. “Malgrate più” ha sottolineato l’appartenenza dei propri candidati a tutti i rioni (tre per Fabusa, tre del vecchio nucleo; quattro del Gaggio e due del Porto) distinguendoli nel programma elettorale coi colori storici. Tra le emergenze, nel rione Gaggio si è imposta all’attenzione la trasformazione del centro sportivo di via Foscolo dove, per Marco Vassena «l’attuale amministrazione ha lasciato che accadesse il peggio del peggio – con episodi anche di spaccio – salvo poi affidare l’area alla protezione civile Ana. Noi faremo di tutto per revocare questo accordo: vogliamo che torni un luogo di aggregazione attorno allo sport». Al Gaggio preme, inoltre, una «migliore gestione del palazzetto, sistemazione del verde e viabilità». Quanto al Porto, verrà recuperato «per la socializzazione» il parco dietro i condomini, come ha spiegato Gobbo, ma lì «la priorità saranno anche i parcheggi, con l’istituzione di “zone gialle” per i residenti e la passeggiata tra i due ponti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA