Alla fine il battello-spazzino è arrivato Da lunedì al lavoro per asportare le alghe
Il battello-spazzino è arrivato a Oggiono ieri mattina

Alla fine il battello-spazzino è arrivato
Da lunedì al lavoro per asportare le alghe

Oggiono: Attesissimo, dovrà ingaggiare la “battaglia” contro la vegetazione infestante - Prima all’opera in località Bagnolo, poi risalirà fino a Galbiate: Isella quest’anno è salva

Il battello spazzino è arrivato ieri, per ingaggiare la battaglia contro la vegetazione che infesta le acque del lago: l’imbarcazione è giunta attorno alle 10 a Oggiono, nelle vicinanze delle piscine, trasportata da uno speciale mezzo che l’ha prelevata da Garlate, dove era stata impiegata nelle ultime settimane, nel tentativo di avere ragione delle alghe che proliferano tra Olginate e Pescate.

Il battello, pesante e di notevoli dimensioni, ha richiesto tempo sia nella fase di carico sia quando, a Oggiono, è stato finalmente collocato su una rampa della darsena.

Inizierà l’attività da lunedì, muovendosi nella prateria di castagnole d’acqua che hanno invaso la località Bagnolo, poi risalendo la costa fino a Galbiate; al contrario, non sarà necessario continuare fino a Isella di Civate, dove negli anni scorsi la vegetazione proliferava, mentre quest’estate improvvisamente è sparita «come se fosse stato diserbato il lago», ha già avuto modo di denunciare il vicepresidente dell’“Autorità di bacino”, Giuseppe Mauri; proprio lui ha accolto ieri il battello all’arrivo a Oggiono.

Tutti i particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola venerdì 31 agosto


© RIPRODUZIONE RISERVATA