Il Seregno chiede ospitalità  al Rigamonti-Ceppi
Il Rigamonti-Ceppi potrebbe dare ospitalità al Seregno

Il Seregno chiede ospitalità

al Rigamonti-Ceppi

Il club brianzolo neopromosso per le prime 2-3 gare dovrà trovare un campo in altra sede per l’esordio in C.

Ricordate Carlos França? Sì, il bomber del Lecco che, nella stagione 2015-16, siglò la bellezza di 27 reti in 33 gare, contribuendo - era il Lecco di Bizzozero - ad alimentare sogni di promozione poi sfumati per la fuga solitaria dell’irresistibile Piacenza guidato da Arnaldo Franzini.

A febbraio, Carlos ha sostituito proprio Franzini sulla panca del Seregno (smessi i panni dell’attaccante, lui che è un classe 1980) ed è riuscito nell’impresa di pilotare il sodalizio del presidente Davide Erba fino a una promozione nel calcio professionistico attesa da ben 39 anni.

Oggi França aspetta la conferma: «Al Seregno ho dato la mia disponibilità a continuare - ha detto -, ma qui ci si sta ancora godendo la festa, visto che l’ultima volta della serie C molti tifosi non erano nemmeno nati... Di certo voglio continuare a fare l’allenatore, anzi voglio arrivare in quella serie A nella quale in Italia da calciatore non sono mai arrivato».

Sempre per quanto riguarda il Seregno: pare che almeno per le prime 2-3 gare dovrà trovare ospitalità in altra sede per l’esordio in C. E sembra proprio che a ospitare i neopromossi potrà essere il Rigamonti-Ceppi. Una richiesta non meglio specificata (per ora) è arrivata sul tavolo della segreteria di via Don Pozzi che si riserva di decidere se concedere o meno (compatibilmente col calendario che sarà varato a inizio agosto) il proprio terreno di gioco, che è a sua totale gestione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA