Il Lecco affonda tra le proteste

Grandinata di gol dal Seregno

La squadra di Bertolini inizia bene poi finisce al tappeto. Rigore ed espulsione fanno saltare i nervi quindi cadono tutti gli argini

Il Lecco affonda tra le proteste Grandinata di gol dal Seregno
Garofoli sconsolato per quanto accaduto in una partita incredibile. Sullo sfondo gli avversari

In uno stadio deserto, il Lecco domenica è stato battuto per 1 a 5 dal Seregno.

Non è giusto arrendersi dopo un rigore e un’espulsione. Né cercare scuse quando i frangenti di gioco ti dicono (così) male. E non è giusto perdere senza lottare. Neanche se è evidente che manchi una società, un presidente, una rosa (ma manca dal 6 dicembre non da ieri). I risultati che avevano illuso, sono stati un pannicello caldo su un Lecco che aveva comunque la febbre alta. E così, come spesso capita quando si ha una squadra di giovani, all’esaltazione è seguito lo sconforto assoluto. Gli alti e i bassi sono tipici di queste formazioni. Ma ora bisogna fare quadrato perché i playout sono ancora possibili. Lottando, naturalmente. Questa è la premessa indispensabile.

Ma, detto questo, gli episodi si susseguono di domenica in domenica, uno dietro l’altro e tutti con i crismi della svista arbitrale: se non giustificare, fa comprendere la partita di domenica del Lecco “Baby”. Un altro arbitraggio inguardabile.

Ecco i risultati del girone B del campionato di serie D:

Cavenago Fanfulla-Olginatese 1-2

Darfo Boario-Dro 4-0

Grumellese-Virtus Bergamo 1-4

Lecco-Seregno 1-5

Levico-Scanzorosciate 1-2

Monza-Ciliverghe Mazzano 1-1

Pergolettese-Pro Patria 1-0

Pontisola-Caravaggio 4-1

Virtus Bolzano-Ciserano 0-1

Tutti i dettagli negli ampi servizi dedicati ai blucelesti e alla serie D con anche la cronaca della partita dell’Olginatese, su “La Provincia di Lecco” in edicola lunedì 10 aprile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA