Statale Regina da record, mezzo milione di auto in un mese

Ma anche pullman, camper e moto: a luglio numeri senza precedenti: sono 79mila in più rispetto allo stesso periodo del 2021

Statale Regina da record, mezzo milione di auto in un mese
La situazione di ieri alle 11 all’imbocco della strettoia di Sala Comacina

L’assalto senza eguali al lago nel mese di luglio - con istantanee che ormai i residenti hanno assimilato, dalla “caccia” al parcheggio alle code alle fermate dei bus praticamente da mattino a sera ai cestini dei rifiuti strabordanti - è certificato da un dato che non ammette diritto di replica.

Dato diffuso ieri dal comandante della polizia locale di Tremezzina, Massimo Castelli, il quale ha rimarcato come dal 1° al 31 luglio sotto il varco Ocr (abilitato cioè alla lettura delle targhe) di Spurano di Ossuccio - con vista sull’isola Comacina - sono transitati qualcosa come 479. 937 veicoli. Per dirla in altro modo, quasi mezzo milione di veicoli in un mese.

Oltre a rappresentare un campanello d’allarme per la tenuta della viabilità - nonostante il lavoro svolto quotidianamente (lontano dai riflettori) da quattro osservatori del traffico in servizio tra Colonno e Ossuccio -, i 479. 937 ben delineano cosa ci si dovrà aspettare nei prossimi anni (confidando nella tenuta del turismo lariano, alle prese comunque con una concorrenza agguerrita) nei cinque chilometri di Regina tra Colonno e Lenno in attesa dell’inaugurazione della variante della Tremezzina, che - lo ricordiamo - collegherà lungo 9,8 chilometri Colonno con Griante.

Il comandante Massimo Castelli: «Superati i numeri della sagra di San Giovanni»

Il dato numerico “catturato” dal varco Ocr è di assoluto rilievo. Basti pensare che a luglio dello scorso anno, sotto il medesimo varco, erano transitati 400. 113, veicoli, il che significa che nel confronto annuale dalle quattro strettoie di Colonno, Sala Comacina, Spurano e Isola di Ossuccio sono passati 79.824 veicoli in più, il che significa 2.574 veicoli in più al giorno.

«E’ innegabile che vi sia stato un importante incremento di traffico e non solo nei fine settimana - conferma Massimo Castelli - Siamo ragionando su numeri al momento davvero da record se si pensa - prendendo in esame il grafico di luglio - che in ben cinque giorni i transiti sono andati sopra quota 18 mila, un valore ben superiore al sabato della Sagra di San Giovanni. Salvo qualche inevitabile episodio, le lunghe code del passato sembrano al momento un ricordo. Ci aspetta comunque un altro mese importante anche sotto il profilo della viabilità, considerato che un po’ ovunque anche ad agosto si parla di tutto esaurito e non solo nelle strutture turistiche. Anche le seconde case, sul modello di quanto avvenuto già nel 2020 e nel 2021, stanno registrando presenze importanti».

Spalmati sulla media oraria, i 479937 transiti dicono che “h24” le quattro strettoie - le citiamo perché rappresentano il riferimento più diretto - ospitano 645 transiti. La media giornaliera è invece pari a 15. 481 passaggi, che un tempo (il riferimento è all’epoca pre-Covid) venivano definiti anch’essi “numeri da record”, con le sole domeniche che sfioravano quota 17 mila. Dato che oggi raggiungono senza troppi patemi. E, nel caso non bastasse, provate a pensare che ogni minuto - giorno e notte comprese - passano 11 veicoli di ogni genere. (Marco Palumbo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA