Mandello, caso Gilardoni

La Procura va in Appello

Torneranno in aula come imputati i tre assolti in primo grado

Rese note le motivazioni dell’assoluzione

Mandello, caso Gilardoni La Procura va in Appello
Mandello - L’esterno della Gilardoni
(Foto di Sandro Menegazzo)

Si tornerà presto a parlare, in un’aula di Tribunale, della Gilardoni Raggi X di Mandello e dei supposti maltrattamenti ai danni dei dipendenti.

La Procura generale di Milano, su input di alcune parti civili, ha infatti impugnato la sentenza con la quale, lo scorso 2 dicembre, il giudice del Tribunale di Lecco Martina Beggio aveva assolto i tre imputati rimasti in giudizio: ossia l’ex responsabile dell’ufficio del personale Roberto Redaelli, il socio di minoranza (nonché nipote della ex presidente Mariacristina Gilardoni, uscita dal procedimento penale perché dichiarata incapace di intendere e volere) Andrea Ascani Orsini e il medico aziendale Maria Papagianni.

La data dell’udienza di Appello non è ancora stata fissata.

Lunghissime e molto articolate, in punto di fatto e di diritto, le motivazioni del giudice Beggio riguardo il dispositivo della sua sentenza, notificata alle parti nelle scorse ore.

Sul giornale in edicola l’articolo completo e l’approfondimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA