Cambio delle regole al Moregallo, si paga anche in settimana

Parcheggio a pagamento tutti i giorni fino al 30 settembre. La presenza degli ausiliari porterà più sicurezza

Cambio delle regole al Moregallo, si paga anche in settimana
Il parcheggio del Moregallo davanti alla galleria in vendita

Si paga tutti i giorni e non più solo il sabato, domenica e festivi. Al Moregallo cambiano le regole e gli ausiliari tengono la situazione sotto controllo.

Finiti i tempi del posteggio libero durante i giorni feriali: fino al 30 settembre, si paga ogni giorno dalle 7 alle 20. «Abbiamo deciso di allineare le regole a quelle in vigore in paese nella zona del lago dove da anni il parcheggio è a pagamento ogni giorno durante la stagione primaverile ed estiva - spiega il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici Andrea Tagliaferri -. C’è un controllo da parte della polizia locale e degli ausiliari per evitare che si creino situazioni ingestibili. Abbiamo anche sistemato in parte i posteggi rendendoli più ordinati».

La tariffa resta quella in vigore lo scorso anno, ovvero 6 euro per la sosta di cinque ore, 10 euro per l’intera giornata e 1,50 euro per un’ora. Il Moregallo resta una zona da tenere sotto controllo, tanto che il Comune intende posizionare un cancello per bloccare l’area in direzione della galleria, e inibire l’ingresso alla spiaggia sottostante, e soprattutto alla scogliera a lato tristemente nota per tuffi anche mortali. Zona dove è in vigore il divieto d’accesso.

«Stiamo attendendo ancora qualche settimana in quanto il 4 luglio scade il bando per la vendita della galleria del Moregallo e chi l’acquisterà dovrà mettere in sicurezza la zona. Inoltre ci sarebbero alcune persone interessate a prendere in gestione la spiaggia sottostante, e questo permetterebbe di avere un controllo costante, e non sarebbe più necessario il cancello», rimarca Tagliaferri. Il primo passo è stato comunque fatto con la revisione dei posteggi che porteranno la presenza quotidiana degli ausiliari.

La prossima estate verrà introdotta la zona a traffico limitato gestita con video camere. «Per quest’anno abbiamo dovuto rinunciare in quanto la burocrazia con i suoi tempi lunghi, non ha permesso di completare il bando per affidare a un’azienda la gestione dei posteggi e delle aree a traffico limitato per tempo», conclude Tagliaferri. Bando dove era inserito anche il progetto di organizzare la zona a traffico limitato al Moregallo con controllo degli ingressi tramite lettura delle targhe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA