Multisala al Marconi  Il Comune ai proprietari  «Avanti con il progetto»
Il progetto di manutenzione straordinaria della sala deve essere consegnato allo Sportello Unico

Multisala al Marconi

Il Comune ai proprietari

«Avanti con il progetto»

La giunta ha analizzato la richiesta preventiva Il passo successivo prevede la consegna dei documenti allo Sportello Unico delle imprese per istruire la pratica

Cinema Marconi, la parola ora passa alla proprietà.

L’assessore Gaia Bolognini ieri ha fatto sapere che il Comune dopo aver analizzato la richiesta di parere preventivo di trasformare la sala cinematografica in quattro sale, ovvero piccola multisala da 600 posti, ora aspetta il progetto vero e proprio per poter dare il via all’istruttoria che comporta anche l’acquisizione dei parerei degli enti competenti.

Servono anche i pareri

«La proprietà è stata invitata a presentare il progetto completo di tutti gli allegati necessari allo Sportello Unico Attività Produttive ai fini dell’istruzione della pratica con la qualificazione dell’intervento edilizio, così da poter attivare anche a richiesta dei pareri necessari agli altri Enti competenti (Vigili del Fuoco, ATS, ARPA) » spiega l’assessore all’edilizia privata del Comune di Lecco.

In pratica prima di poter dare il parere definitivo occorre poter visionare i progetto per intero. L’idea infatti in base alla proposta pervenuta ma che era priva di allegati, è di procedere con una manutenzione straordinaria.

«E questa sarebbe la soluzione più veloce - aggiunge l’assessore - perchè non necessita di cambio di destinazione urbanistica o reperimento degli standard come ad esempio i parcheggi. Ma tutto sta nella completezza del progetto e soprattutto nella richiesta degli altri enti. Se tutto va come speriamo il progetto se completo di tutti gli atti necessari potrebbe essere approvato a breve e senza problemi».

Ora dunque tocca alla proprietà fare la sua parte dopodiché a tutti gli enti competenti per il parere sull’agibilità.

Una cosa è certa, l’amministrazione vuole andare avanti il più velocemente possibile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA