Di Nunno, annuncio choc:

«Mollo il Lecco, non finisco la stagione»

Sfogo del patron dovuto a ragioni economiche: «Non abbiamo debiti ma non posso “morire” per colpa del calcio»

Di Nunno, annuncio choc: «Mollo il Lecco, non finisco la stagione»
Il patron Paolo Di Nunno

LECCO

L’amministratore delegato del Lecco Paolo Di Nunno, patron dei blucelesti, intende dimettersi. La bomba è arrivata a ciel sereno. Dopo una partita persa, è vero, ma senza più parlare, troppo a lungo, della gara di Busto Arsizio e di “delusione sportiva”. Se, prima, dava motivazioni meno valide («Sono stanco, non mi aiuta nessuno»), ora le motivazioni sono economiche.

Per la prima volta Di Nunno parla di soldi che mancano. E questo fa preoccupare molto anche se non ci sono date né scadenze in questa “minaccia” di lasciare: «Non voglio morire dietro il calcio – esordisce dopo aver chiamato “La Provincia” - . Finanziariamente ho dei grossi problemi. I miei conti societari sono tutti a posto, ma non voglio e non penso di farcela a finire il campionato. Non abbiamo debiti, come società Calcio Lecco 1912 srl. Non ho nulla lasciato indietro, per cui vado via con la coscienza a posto… Non sono di Lecco, mi dispiace. Tutti i giocatori saranno pagati. Fino a quando? Fino a che non me ne andrò, non so di preciso quando».

Vedremo se Di Nunno ci ripenserà o se stavolta lascerà veramente.

L’intervista completa su La Provincia di Lecco in edicola domani, 15 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA