Sopra il ponte di Genova   luci a led fabbricate a Oggiono
I lavori al ponte di Genova progettato da Renzo Piano

Sopra il ponte di Genova

luci a led fabbricate a Oggiono

Segnalatori a led made in Oggiono per il nuovo ponte di Genova. Ad aver ottenuto la prestigiosa commessa è C&E Group, fondata nel 1988 da Vincenzo Di Giovine

LECCO

Segnalatori a led made in Oggiono per il nuovo ponte di Genova. Ad aver ottenuto la prestigiosa commessa è C&E Group, fondata nel 1988 da Vincenzo Di Giovine, che oggi conta 15 dipendenti più un’altra decina che lavorano nella start up di ricerca e sviluppo con sede a Lecco. C&E Group progetta e produce apparecchiature elettriche speciali per il settore dell’Oil & Gas.

Dagli anni 2000 si è anche specializzata nei segnalatori ostacolo alla navigazione aerea, cioè quei segnalatori luminosi che vengono posizionati sulle strutture elevate, qualunque manufatto sopra i 45 metri, per segnalarne la presenza come ostacolo agli aerei.

«Lo studio di Renzo Piano che ha progettato il nuovo ponte di Genova – spiega l’azienda - ci ha scelto perché ha visto che i nostri segnalatori Luxsolar di media intensità, i più adatti allo scopo, avevano già una forma ad anello e quindi si potevano infilare sulla sommità dei 18 pali che si innalzano dalla struttura. Sono state poi effettuate delle modifiche richieste dal committente, ma possiamo dire che la forma dei nostri segnalatori si accompagnava già al design del ponte, senza rovinarne l’estetica».

Saranno uno degli ultimi elementi posizionati prima del collaudo in estate: «I segnalatori hanno un diametro di soli 20 centimetri. Siamo infatti in grado di renderli molto efficienti dal punto di vista luminoso grazie a lenti speciali progettate internamente. Abbiamo ricevuto l’ordine poco prima del lockdown, ma questo non ci ha impedito di portare avanti la commessa». La tecnologia è quella a led: «L’abbiamo sempre utilizzata fin dai suoi albori e l’abbiamo portata avanti con continue innovazioni, tanto che abbiamo depositati 20 brevetti. Con la giusta progettazione ottica e termica, offre vantaggi enormi per i segnalatori, come una continuità di funzionamento minima di 10 anni. Anche per questo sono un’alternativa decisamente preferibile rispetto alle vecchie lampadine a incandescenza o con lo Xenon». Lo scorso anno sono stati infatti festeggiati i 10 anni di funzionamento ininterrotto, e senza riparazioni dei segnalatori led installati da C&E Group sul ponte di Santiago Calatrava a Reggio Emilia sull’A4. Segnalatori made in Oggiono si trovano anche sul Bosco Verticale e i grattacieli delle Varesine a Milano, sulla funivia di Zermatt-Breuil, sul minareto della moschea di Algeri, sulla ruota panoramica Dubai Eye, sul nuovo stadio dell’Atalanta e al centro sportivo del Real Madrid.


© RIPRODUZIONE RISERVATA