Rogo sulla Milano-Tirano  «Servono più investimenti»
Ancora disagi per i pendolari e gli studenti che prendono il treno

Rogo sulla Milano-Tirano

«Servono più investimenti»

L’allarme lanciato dai 5 Stelle dal consigliere regionale Raffaele Erba: «Una linea fondamentale per il futuro»

Di solito sono i guasti a creare i ritardi, ma capita anche che siano vere e proprie aggressioni al capotreno a fermare i convogli. Quello che è successo venerdì, un incendio lungo la linea Tirano-Sondrio-Lecco-Milano mancava nella lista di inconvenienti che rendono un’Odissea il viaggio dei pendolari che dal Lecchese e dalla Valtellina viaggiano (e ritornano) in direzione Milano per andare al lavoro.

Preoccupato il Movimento 5 Stelle per lo stato di salute di una delle direttrici più importanti del territorio: «E’ l’ennesima situazione di disagio che tocca la linea Tirano-Sondrio-Lecco-Milano – osserva Raffaele Erba, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle – Questa linea ha grandi potenzialità, purtroppo poco si è fatto per migliorare il servizio. Da anni la tratta necessita di investimenti ma non abbiamo visto ancora nulla». Erba pone l’accento sugli scenari futuri. «Se è vero che con buone probabilità ospiteremo le Olimpiadi invernali, è altrettanto vero che la Tirano-Sondrio-Lecco-Milano sarà un’infrastruttura strategica soprattutto per il carattere diffuso dell’evento che per la Lombardia si divide tra Milano e la Valtellina. Un’infrastruttura su cui siamo felici di investire e che fa bene al nostro ambiente decongestionando la Strada Statale 36».

L’allarme era scattato alle 13,25. L’ipotesi è che le scintille scaturite dai freni abbiano innescato le sterpaglie sul bordo dei binari. In una nota, Trenord però ha dichiarato: «Dalle verifiche tecniche non risultano anomalie all’impianto frenante dei treni». In una manciata di minuti le squadre dei pompieri erano riuscite ad aver ragione del principio di incendio ma circolazione era stata bloccata con l’entrata in funzione del servizio bus alternativo tra Abbadia e Lecco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA