Mandello abbraccia Abbagnale  «Io qui dopo 40 anni: che bello»
Giuseppe Abbagnale e la Canottieri Moto Guzzi: un’amicizia più forte del trascorrere del tempo

Mandello abbraccia Abbagnale

«Io qui dopo 40 anni: che bello»

Il mito del remo, oggi presidente Fic

sul lago per il novantesimo della Moto Guzzi

Tutta Mandello, non solo la Canottieri Moto Guzzi, ha accolto con entusiasmo l’icona stessa del canottaggio azzurro e dello sport nazionale: Giuseppe Abbagnale, dal 2016 presidente della Federazione italiana canottaggio.

Diciamo “tutta Mandello”, perché è qui dove sono nati e cresciuti tanti grandi campioni, “giganti” dell’Italremo, che hanno portato la Canottieri Motoguzzi a spegnere quest’anno la novantesima candelina.

«Torno con molto piacere a Mandello dopo quarant’anni – ha detto il due volte oro olimpico – ed ho avuto il piacere di incontrare tanti vecchi amici, magari con qualche chilo in più e qualche capello in meno come me, ma sempre con la voglia di guardare avanti. Sono tanti i ricordi questo magnifico lago e di questa splendida gente, di quando nel 1979, appena ventenne e alle prime armi nel canottaggio, venni due settimane per il raduno nazionale, tra la Moto Guzzi e la Falck di Dongo, in preparazione ai Mondiali».

«Nella nuova e soprattutto giovane dirigenza ho trovato lo stesso entusiasmo di allora - ha proseguito - Soprattutto una grande vitalità nel volere ottenere ancora tanti successi».

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola domani, domenica 17 novembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA