Martedì 14 Gennaio 2014

Lecco, le truffe
del finto questore

Lecco - La pistola giocattolo sequestrata al finto questore

Si spacciava per il questore di Lecco e per mettere a segno le sue truffe si era dotato di tutto il necessario: timbri falsificati, una pergamena di premiazione e una pistola d’ordinanza (giocattolo) al fine di impressionare le vittime.

Le stangate, organizzate da un milanese di 34 anni, hanno avuto vita breve. Infatti dopo i primi tre “pacchi” andati a segno, gli agenti della Digos, diretti dal dirigente Domenico Nera, lo hanno smascherato e denunciato per una sfilza di reati: truffa, sostituzione di persona, violazione di domicilio, usurpazione di funzioni pubbliche e falsità materiale. La sua messa in scena, evidentemente, è risultata credibile in quanto nella prima occasione era riuscito a farsi consegnare dai raggirati 5mila euro.

L’indagine da parte della Digos è iniziata quando una delle vittime si è poi presentata con la documentazione falsa in Questura a Lecco per rivendicare il ritiro degli oggetti che Luca Fabiano Guadagno aveva acquistato per lui nel corso di una di queste fantomatiche aste giudiziarie.

Una pagina “La Provincia di Lecco” del 15 gennaio 2014

© riproduzione riservata