Lecco. «L’e-commerce?   Investiamo sui nuovi negozi»
Il negozio della Sport Specialist a Sirtori, l’azienda si prepara ad aprire un megastore a Lissone

Lecco. «L’e-commerce?

Investiamo sui nuovi negozi»

Sergio Longoni lavora a un megastore: «Puntiamo su centri che valorizzino la gamma prodotti. Il lockdown ci ha penalizzato, poi c’è stato un recupero»

Per la lecchese Df Sport Specialist è in corso uno degli investimenti più importanti della sua storia, con la realizzazione, a Lissone, di un megastore di articoli sportivi per migliaia di metri quadri all’ex Palazzo del Mobile “100 firme”.

Il penultimo investimento, invece, prevede l’inaugurazione, a settembre di quest’anno, di un nuovo negozio multisport a Brescia, nell’area del centro commerciale Nuovo Flaminia. Più il rifacimento, che sarà completato entro quest’anno, del negozio di Desenzano. Sono solo le ultime tappe di crescita dimensionale dell’azienda fondata vent’anni fa da Sergio Longoni, 78enne grande appassionato di ciclismo e montagna e oggi presidente di Bicimania e Df Sport Specialist, aziende che guida con l’energia degli inizi e in cui ha inserito anche le sue due figlie Francesca, che si occupa del marchio Blu Frida, e Daniela, impegnata con lui su Df Sport Specialist.

L’imprenditore che per passione ha legato il proprio nome a storiche imprese dell’alpinismo e a grandi campioni e gare di ciclismo è in piena fase creativa e ci dice che «è necessario costruire negozi che rendano immediata la visione completa dei prodotti, perché abbiamo concorrenti temibili, fra cui il mondo e-commerce, che pratichiamo anche noi visto che il mercato lo richiede».

Il progetto di Lissone prevede la realizzazione di negozi su tre piani, più un quarto con destinazione ancora da decidere e probabilmente affittato a una palestra, più un parcheggio per trecento posti auto. La parte commerciale sarà di 3500 metri quadri per vendita di articoli sportivi, «con una sistemazione ampia e moderna, attenta al prodotto. Nella nostra azienda – sottolinea Longoni – abbiamo possibilità di fornitura di 55mila articoli, dalla minuteria di settore fino al prodotto elettronico più sofisticato».

Il nuovo progetto ha anche un risvolto occupazionale, visto che in aggiunta al personale già disponibile l’azienda è alla ricerca di una quindicina di nuovi addetti che abbiano, spiega Longoni, «competenze tecniche sul settore. Ci interessano persone qualificate, specializzate sulla montagna, sul running, sul fitness dove manteniamo una qualificazione importante sugli apparecchi elettronici. Non è facile trovarle ma le cerchiamo».

Con 19 negozi e circa 400 dipendenti, l’azienda ha attraversato il 2020 dell’emergenza Covid recuperando sulla flessione importante registrata nel periodo più duro del lockdown. L’anno si è chiuso con una flessione del 15% ma gli investimenti non sono mai stati sospesi. Nel corso dell’anno le riaperture dei negozi hanno contenuto il danno, in aggiunta «al mondo della bicicletta – afferma Longoni – che è cresciuto tantissimo e ci ha dato una mano importante nel mantenere un bilancio sano. Il 2020 è stato complicato, ma ora guardiamo al futuro. Siamo impegnati su tutti i fronti di vendita, anche sull’e-commerce che secondo me sta stravolgendo il mondo commerciale. Comunque facciamo la nostra parte, e da noi tanti clienti vengono in negozio per toccare con mano, avere consiglio dall’operatore commerciale finendo il più delle volte con l’acquisto in negozio e non online, dove non sempre il prezzo è migliore rispetto al negozio. E naturalmente noi siamo molto attenti anche a questo aspetto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA