Inceneritore, fumi insalubri?  Il Comune chiede una verifica
Il forno che incenerisce i rifiuti a Valmadrera

Inceneritore, fumi insalubri?

Il Comune chiede una verifica

Lecco, approvata all’unanimità in Consiglio la richiesta a Silea. «Serve uno studio epidemiologico in tempi brevi sugli effetti per la salute»

Quanto incidono le emissioni del forno di Valmadrera sulla salute della popolazione?
Per dare una risposta il più possibile precisa a questa domanda, il consiglio comunale di Lecco ha richiesto a Silea di effettuare un secondo studio epidemiologico. La proposta è stata portata avanti dai consiglieri Massimo Riva del Movimento Cinque Stelle e Ivano Donato di Appello per Lecco e lunedì sera ha raccolto l’approvazione unanime da parte del consiglio. «Approvata all’unanimità la nostra richiesta di indagine epidemiologica sugli effetti per la salute umana delle emissioni del forno inceneritore di Valmadrera - è il commento di Massimo Riva -. Il sindaco di Lecco si adopererà poi in sede di assemblea intercomunale affinché i sindaci soci di Silea sottopongano ai rispettivi consigli comunali il progetto di teleriscaldamento per la sua approvazione o bocciatura, come a suo tempo si decise di fare a Lecco».
Ancora una volta il tema dello smaltimento dei rifiuti si lega a doppio filo a quello della salute dei cittadini.
«La nostra richiesta – continua Ivano Donato - è che Silea faccia realizzare uno studio epidemiologico di tipo osservazionale, avvalendosi di un sistema GIS (Geografic Information System) che permetta da un lato di semplificare e velocizzare la fase di valutazione dell’esposizione per i soggetti coinvolti nello studio, e dall’altro di produrre una mappa utile alla descrizione visiva della situazione, con le aree coinvolte dalle ricadute dei fumi dell’impianto». La fascia di età su cui si concentra questo tipo di studio va da 0 a 14 anni e riguarda patologie come sinusiti, bronchiti e in più generale infezioni all’apparato respiratorie. Altro grande vantaggio di questo secondo studio epidemiologico è la durata: solo un anno per avere i risultati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA