«Il Papa gode di buona salute»  Nuova smentita del Vaticano  alla notizia di un tumore

«Il Papa gode di buona salute»

Nuova smentita del Vaticano

alla notizia di un tumore

Padre Lombardi: «Nessun medico giapponese è venuto in Vaticano a visitare al Papa e non vi sono stati esami del tipo indicato nell’articolo». Francesco, nell’udienza del mercoledì, non fa cenno alla malattia

«Posso confermare che il Papa gode di buona salute», ha dichiarato il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, smentendo le notizie diffuse da un quotidiano sulla salute del Pontefice. «Nessun medico giapponese è venuto in Vaticano a visitare al Papa e non vi sono stati esami del tipo indicato nell’articolo. Confermo completamente la smentita che ho già fatto. Lo faccio dopo le verifiche con le fonti opportune, compreso il Santo Padre».

La ricostruzione dei fatti. Il Papa avrebbe una “piccola macchia scura nel cervello”, un piccolo “tumore curabile”. E’ Quotidiano Nazionale a scrivere in prima pagina di una visita fatta da Bergoglio qualche tempo fa in Toscana, per consultare uno specialista giapponese di fama mondiale che lavora anche in Toscana, presso la clinica San Rossore di Pisa. E il responso è stato favorevole: non serve un intervento. Risalirebbe poi a fine gennaio la presenza del medico, esperto di tumori al cervello e aneurismi, Takanori Fukushima, in Italia e probabilmente in Vaticano per occuparsi dello stato di salute di Papa Bergoglio.

mattina Papa Francesco è entrato in Piazza San Pietro a bordo della “papamobile” scoperta per fare il consueto giro tra la folla dei fedeli, circa 30 mila i presenti, prima dell’udienza generale. E, con il solito atteggiamento sorridente, ha salutato e benedetto migliaia di fedeli. Al termine dell’udienza, rivolto agli ammalati Francesco ha detto di “portare con gioia la croce della sofferenza”, parole - specifica la Santa Sede - riferite al ricordo e all’insegnamento di san Giovanni Paolo II, di cui domani ricorre la memoria liturgica, non quindi alla propria situazione personale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA